mercoledì 18 marzo 2015

Agatha. L'amore che non muore

Violet Nightfall

Titolo: Agatha. L'amore che non muore
Autore: Violet Nightfall
Editore: selfpublished
Prima edizione: 30 giugno 2014
Pagine: 162
Prezzo: cartaceo - € 7,50 ; ebook - € 1,49
Link d'acquisto

Agatha è una studentessa universitaria: voti brillanti, risultato di impegno costante e grande determinazione. A differenza delle sue coetanee, però, Agatha non conosce distrazione, se non quella offerta dai romanzi.
Impacciata nel suo stesso corpo (ha qualche chilo di troppo e un'altezza che la fa spiccare nella folla) e nei confronti dell'altro sesso, Agatha non ha mai avuto un fidanzato e mai ha pensato di averne uno. L'arrivo di Mattia, il nuovo coinquilino, però, la mette a dura prova.

Mattia Venturi era la perfezione fatta a persona e io mi ero lasciata abbagliare dalla sua luce, diventandone ben presto schiava. Non era solo il suo aspetto fisico che mi attirava, ciò che realmente sconvolgeva il mio stomaco - ero quasi certa che mi fosse cresciuta una colonia di farfalle nell'intestino, perché ogni volta che incrociavo lo sguardo con Mattia le sentivo librarsi in volo, impazzite - era Lui, non inteso come agglomerato di organi, ossa, muscoli, etc... ma inteso come Mattia Venturi, mente pensante groviglio di sentimenti ed emozioni, pensieri e opinioni.

Nonostante Mattia sia diventato l'ossessione, il centro di ogni pensiero di Agatha, la ragazza riesce a ignorare i propri sentimenti fino alla fine della sessione estiva. A quel punto, però, Mattia parte per le vacanze. Poco dopo, anche Lucia, l'amica e coinquilina, decide di raggiungere i genitori a Rimini, lasciando Agatha nell'accaldata Bologna in compagnia di Alessandro.

Bello e intelligente, l'unico ragazzo con cui Agatha abbia stretto un legame seppur di semplice amicizia, Alessandro ha notato l'interesse dell'impacciata coinquilina per Mattia. Forte della propria esperienza di dongiovanni e avendo notato che l'amica è del tutto impreparata a gestire un flirt, si offre come suo insegnante.
Amore e gioco: quando ci sono in ballo i sentimenti, tutto può diventare magico e pericoloso.

Il breve romanzo della Nightfall si divide in due parti: nella prima la narrazione si sviluppa seguendo tutti i crismi classici del romance con tanto di cliché (forse volutamente esasperati) e sospiri; nella seconda, invece, la storia prende una svolta che, benché sia denunciata dalla trama del libro, risulta quasi inaspettata e rivela il grande potenziale dell'opera.

I Bellissimi di vecchia data ormai lo sanno bene: è difficile che riesca a trovare un romance (New Adult, Young Adult o Quelchevipare) che sia di mio gradimento. Non sono il romance in sé o i cliché a crearmi problemi, ma stile, soluzioni narrative o personaggi. Poiché non è questo il momento giusto per approfondire, mi limiterò a quanto ho già brevemente spiegato. La prima parte di Agatha rientra, mio malgrado, tra quei libri che abbandonerei e sto scegliendo di censurare la violenza. Ciò che mi ha spinto a proseguire è stata, in effetti, la promessa di quel risvolto inaspettato a cui ho accennato.

Agatha, ve ne sarete accorti, è la più classica delle protagoniste: studiosa, un po' goffa e trascurata. L'amore per la lettura l'ha resa un po' più simpatica, ma quando le abitudini sociali delle amiche sono usate come metro per la misurazione della virtù della protagonista, tendo a spazientirmi. Tuttavia, sono pronta a scommettere che, almeno in parte, sia una caratterizzazione studiata dall'autrice proprio per illuderci di essere capitate nel più normale e ovvio dei romance. Anche per questo non manca il bello e impossibile e, già che è meglio abbondare, la Nightfall affianca ad Agatha due adoni. Già, perché Alessandro e Mattia fanno girare la testa.
La prima parte è, dunque, piuttosto prevedibile. Movimentata e un po' frettolosa, percorre l'evoluzione della protagonista accompagnando lei e il lettore nella scoperta della passione più travolgente.
Nella seconda parte il tono narrativo perde la leggerezza dei primi capitoli e si arricchisce di una nota di tensione che con discrezione insinua diffidenza verso i personaggi principali. Non manca, e l'ho trovato piuttosto piacevole e interessante, una dose di paranormal: un brivido in più e un'ulteriore spinta verso la s-categorizzazione del libro.
Agatha. L'amore che non muore è un romanzo originale per l'idea che vi è dietro, ma che, a mio avviso, risente dello sviluppo troppo breve e rapido e di alcune imprecisioni. Sono un'amante delle pagine, ma sono convinta che se l'autrice si fosse concessa più tempo per narrare, la storia ne avrebbe giovato. Inoltre, mi è dispiaciuto che la caratterizzazione dei personaggi non fosse particolarmente approfondita perché in quel caso il potenziale del romanzo sarebbe stato espresso appieno.
La lettura è nel complesso scorrevole e coinvolgente, aspetto che, insieme all'originalità del romanzo, ha suscitato in me la curiosità di poter leggere le altre opere della Nightfall.

Il mio voto

3 specchi

Amaranth

2 commenti:

  1. Concordo in pieno con le tue considerazioni.
    Lo lessi qualche mese fa e trovai anche io che la storia avanzava tanto rapidamente da sembrare scritta di fretta, lasciando inespresso quel potenziale che nonostante tutto era possibile notare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che sia proprio il potenziale a mettere in luce la mancanza di sviluppo: molte storie procedono a ritmi sostenuti, ma sono convinta che Agatha avrebbe avuto bisogno di più spazio.

      Elimina

Grazie per averci visitato ♥
Se ti è piaciuto, ma anche se non ti è piaciuto, quello che hai letto, lasciaci un tuo commento: per noi è importante conoscere la tua opinione. Leggerti è sempre un piacere.