venerdì 26 agosto 2016

Cool Book Covers #29

Questa è una rubrica interamente dedicata alle cover dei libri con il preciso intento di scovarne di uniche, incredibili e (possiamo dirlo?) fighe.
Non saranno necessariamente belle, non nel senso comune del termine almeno. Le cover, infatti, saranno scelte per la loro originalità: dovranno distinguersi, rompere gli schemi.

Se ci conoscete un pochino, sono certa che non faticherete a credermi quando vi dico che questo trio di copertine aspetta di avere il suo spazio in questa rubrica letteralmente da mesi. Ang e io, oltretutto, abbiamo più volte parlato di inserirle, ma rimandando rimandando siamo arrivati a fine agosto e la rubrica, in effetti, è ferma dai primi di giugno.
Ora, però, sono pronta a rivelarvi le cover di cui vi sto parlando: si tratta di libri italiani, pubblicati quest'anno e sono tutti stati realizzati da abili disegnatori.


Titolo: Di metallo e di stelle. L'apprendista di Leonardo
Autore: Luca Tarenzi
Editore: Gainsworth Publishing
Prima edizione: 12 maggio 2016
Pagine: 258
Prezzo: cartaceo - € 19,00; ebook - € 3,99
Link d'acquisto

Milano, 1499.
Il Castello Sforzesco è sotto assedio, fuori dall'esercito francese e dentro da un assassino che nessuno può vedere o fermare.
La tranquilla esistenza di Giacomo, giovane apprendista di Leonardo da Vinci, viene all'improvviso sconvolta dai segreti blasfemi del suo maestro, che riportano alla luce enigmi, misteri alchemici, veleni e, soprattutto, presenze mostruose.
Salvare la sua amata Cecilia dalle grinfie del Duca di Milano si trasforma in un'impresa quasi impossibile di fronte alla folle missione che il caso pare avergli affidato: fermare una creatura che non dovrebbe esistere fuori dagli incubi, ma che sembra ben intenzionata a togliergli tutto ciò che ha importanza nella sua vita.

La copertina è stata realizzata da Rita Micozzi con disegni che, insieme alla cura per il dettaglio, rendono questa edizione un capolavoro. È una cover da osservare per ore, soffermandosi ogni volta su particolari diversi.
Io me ne sono innamorata subito.

Se volete saperne di più, Angharad ve ne parla qui.

Titolo: Tiger Fighters. Il nodo del Tempio
Autore: Dilhani Heemba
Editore: selfpublished
Prima edizione: 19 giugno 2016
Pagine: 558
Prezzo: cartaceo - € 16,11; ebook - € 2,99
Link d'acquisto

Un'assassina senza scrupoli, accecata da un odio irrazionale che la distrugge.
Combattenti che sperano in un mondo più giusto.
Un'India distopica, minacciata da demoni orientali e difesa da uomini con sangue di Shiva…
***
L'India ha distrutto l'Occidente e ora ha un governo dittatore che inquina il mondo. I Tiger Fighters, in cambio del sangue di Shiva, hanno promesso di combattere i demoni e il governo, erigendo templi e stringendo nodi, distruggendo fabbriche e assassinando.
La famiglia di Daksha è stata allontanata quando suo padre li ha maledetti, ritenendoli responsabili della morte della madre. Anni dopo, il padre incendia un tempio per vendicarsi e scioglie involontariamente uno dei nodi che trattiene i padri dei demoni, i rakshasa. I Tiger Fighters partono alla ricerca di Daksha, nella speranza che possa rivelare loro dove sia l'uomo e obbligarlo a rifare i nodi. Daksha, però, li ha rinnegati per tutta la vita, crescendo in fretta sulle strade di Delhi, tra incontri clandestini e cacce ai demoni e frequentando gli ambienti più marci dei ricchi imprenditori e, proprio ora che è a capo del gruppo governativo che combatte sul campo i Tiger Fighters, non ha alcuna intenzione di stare dalla loro parte. O almeno crede. Perché la strada della vendetta non appare più così facile, quando ci sono di mezzo le ingiustizie, la morte e un passato non del tutto privo di ricordi felici che ora sembra darle la caccia.

Questa cover è opera di Livia De Simone. In più occasioni, e mi ripeterò, ho detto che non vado pazza per le figure in primo piano perché sono tanto abusate nel tentativo di creare un rapporto immediato con il lettore.
Nel caso dei disegni è sempre diverso e io adoro questo primo piano per i tratti delicati e la personalità che sembra restituire al volto. Per le trecce ho un vero e proprio debole, ma è il Paisley (il motivo vegetale a forma di goccia) che mi ha conquistata: se solo fossi in grado di riprodurlo, ci tappezzerei casa.

In attesa della recensione, che vi prometto arriverà presto, potete leggere qualche curiosità sul romanzo qui.

Titolo: La principessa sbagliata
Autore: Ester Trasforini
Editore: Gainsworth Publishing
Prima edizione: 12 maggio 2016
Pagine: 250
Prezzo: Ebook - € 3,99; Brossura - € 16,50
Link d'acquisto

Ci sono una torre, un drago e una principessa da salvare.
Sembra l'inizio di una fiaba classica, ma quando la boscaiola Gemma, spinta dal desiderio di arricchirsi, decide di partire per liberare la figlia del re, tutto inizia a girare per il verso sbagliato.
Armata di ascia e di una magia di dubbia utilità, Gemma giunge sulla montagna e mette in fuga il drago, ma finisce per ritrovarsi lei stessa fuggitiva in un'avventura dove niente è ciò che sembra, principessa compresa.
Tra scontri, visioni, amore e uno zombi spaventapasseri, Gemma affronterà le sue paure e scoprirà che il lieto fine, forse, va cercato oltre gli abiti che si indossano.

Con La principessa sbagliata, un'altra opera di Rita Micozzi, lo stile si discosta nettamente dalle altre rispecchiando anche la storia. Le foglie creano una cornice che, oltre a rimandare al bosco, ci proietta subito in una dimensione altra, quella della fiaba. Al centro gli improbabili protagonisti: una principessa davvero molto alta, una boscaiola armata di ascia e un drago. Di quest'ultimo è difficile, lo ammetto, capire da quale parte stia.
La chicca, però, è sul retro dove compare lo zombi Fiorenzo colto nel bel mezzo di un'invettiva.

Se ne volete sapere di più, la recensione di Angharad vi aspetta.

Che ve ne pare?
Belle, vero? Avete già una vostra preferita?

Amaranth

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per averci visitato ♥
Se ti è piaciuto, ma anche se non ti è piaciuto, quello che hai letto, lasciaci un tuo commento: per noi è importante conoscere la tua opinione. Leggerti è sempre un piacere.