lunedì 13 giugno 2016

Blog Tour: "Tiger Fighters" - Tappa #3 | Intervista a Dilhani Heemba

Buongiorno, Bellissimi!
Oggi ospitiamo la terza tappa del blog tour dedicato a Tiger Fighters di Dilhani Heemba.
Abbiamo avuto il piacere di poter intervistare l'autrice, che abbiamo torturato con le nostre domande... siete curiosi?
Prima vi lasciamo i dati del romanzo!

Titolo: Tiger Fighters. Il nodo del tempio
Autore: Dilhani Heemba
Editore: selfpublishing
Prima edizione: 14 giugno 2016*
Pagine: 551
Prezzo: Ebook - € 2,99; Cartaceo – € 16,11*
Link d'acquisto


L'India ha distrutto l'Occidente e ora ha un governo dittatore che inquina il mondo. I Tiger Fighters, in cambio del sangue di Shiva, hanno promesso di combattere i demoni e il governo, erigendo templi e stringendo nodi, distruggendo fabbriche e assassinando.
La famiglia di Daksha è stata allontanata quando suo padre li ha maledetti, ritenendoli responsabili della morte della madre. Anni dopo, il padre incendia un tempio per vendicarsi e scioglie involontariamente uno dei nodi che trattiene i padri dei demoni, i rakshasa. I Tiger Fighters partono alla ricerca di Daksha, nella speranza che possa rivelare loro dove sia l'uomo e obbligarlo a rifare i nodi. Daksha, però, li ha rinnegati per tutta la vita, crescendo in fretta sulle strade di Delhi, tra incontri clandestini e cacce ai demoni e frequentando gli ambienti più marci dei ricchi imprenditori e, proprio ora che è a capo del gruppo governativo che combatte sul campo i Tiger Fighters, non ha alcuna intenzione di stare dalla loro parte. O almeno crede.  Perché la strada della vendetta non appare più così facile, quando ci sono di mezzo le ingiustizie, la morte e un passato non del tutto privo di ricordi felici che ora sembra darle la caccia.

E ora vi lasciamo all'intervista! Ciak, si parte!

Innanzitutto, grazie per esserti prestata alla tort- ehm, all'intervista!

Non dirò che mi avete legata e costretta perché vi voglio bene.

Troppo buona, davvero. Cominciamo con l'interrogatorio le domande!

Descriviti usando i tuoi personaggi come paragone (Es. sono testarda come... ecc.)


Ma che bella questa domanda! Non me l'avevano mai fatta. Posso prendermi un paio d'ore per rispondere?
Ok, ci provo, vinco facile: amo leggere come TUTTE le mie protagoniste. Ho lo stesso senso di giustizia di Shay (Nuova Terra), mi ritrovo molto in Nilmini ( Nuova Terra) riguardo l'adozione, amo i gattini come Swathi (Tiger Fighters), anche se lei è troppo studiosa per essere simile a me. Mi piacciono i leccalecca alla cannella come a Kajal (Tiger Fighters), con la quale credo di condividere la volontà di far ragionare gli altri. Con Ravih (Tiger Fighters) condivido l'allegria.
Per certi versi condivido la dolcezza di Thari (Le Figlie di Ananke. Black Light), anche se non mi ritengo in generale una persona dolce. Anche con il suo Ryker (Le Figlie di Ananke. Black Light) condivido qualcosa: voler fare, aiutare, agire e poi ritrovarsi mezzo spiaccicato da demoni vari.

I tuoi libri hanno ambientazioni particolari, spesso in Paesi che per noi sono esotici. C'è una ragione dietro questa scelta?

Sì, mi piace/piacerebbe viaggiare e scoprire nuove mete, sia come luoghi che come cultura. Ambientare i romanzi in Paesi diversi è un modo economico per scoprirli. Sono spesso anche posti che mi hanno lasciato qualcosa, come nel caso di Praga o la Tunisia, oppure con cui condivido qualcosa, come nel caso dell'India.
Vorrei visitare l'Oriente e il Medio Oriente, mi hanno sempre fatto fantasticare. Ma non solo quelli!

TOP 3: I personaggi più difficili da scrivere in Tiger Fighters.

Ah, ah, ovviamente Daksha! Il più difficile di tutti i miei libri direi. L'ho scritta in un momento difficile della mia vita e ha rispecchiato i miei cambiamenti e il modo di comportarsi di certe persone. Poi come spesso accade, si è mossa da sola e si è allontanata molto dal mio modo di essere: è contraddittoria, faziosa, violenta, ragiona per vendetta.
Un'altra cosa difficile di lei è stata farla continuare su questa scia. Perché a volte mi veniva da ammorbidirla, ma lei non è così, si è ribellata senza problemi. Del resto è anche molto testarda!
Il secondo è stato Oleg Mikhail perché l'ho amato molto, ma è un po' psicopatico anche lui. Ha un modo tutto suo di pensare e parlare e mi faceva tenerezza, anche se non volevo, perché rischiavo di renderlo troppo gracile, cosa che, a parte da bambino, non è.
L'ultimo è stato Gutam Parthiban, il papà di Daksha. Un altro da prendere a pizze. Però la difficoltà è stata un'altra: all'inizio la storia era concentrata sul rapporto padre/figlia, ma essendo due con problemi davvero seri, veniva una storyline molto pesante e deprimente. Ho dovuto limare tantissimo la storia di lui, anzi ho cancellato interi capitoli e cancellare per un autore è sempre difficile.

Come nasce un nuovo romanzo? Pianifichi e ti documenti prima di scrivere o ti lasci guidare dall'ispirazione?

Dipende dal romanzo. Con Nuova Terra sono andata di getto per buona parte del libro, poi ho riempito con i dettagli che non sapevo e su cui ho fatto ricerca in seguito.
Ora cerco di documentarmi prima, ma spesso lo faccio anche durante, perché a volte alcune scene vengono in mente dopo. In linea di massima preferisco avere un'infarinatura generale all'inizio, poi farmi guidare dall'ispirazione e alla fine (o durante) fare ricerca a seconda delle esigenze.

Immaginiamo tu voglia bene ai tuoi personaggi... e il dubbio sorge spontaneo: come mai li fai soffrire così tanto?

Ah ah, bella domanda!
Credo che sia perché in buona parte si muovono da soli. Più razionalmente, se così posso dire, credo che sia un modo per analizzare la natura umana. E più banalmente perché l'avventura, la novità, il conflitto, il superamento del problema, se c'è un superamento, mi hanno sempre affascinata. Anche come lettrice. Chissà, forse è anche catartico.
Per esempio con Shay ho detto che condivido il senso di giustizia, però lei è una che agisce di conseguenza, io sono una fifona. Con lei posso "essere forte."

Ora andiamo sul difficile, lo sappiamo: cinque libri preferiti e cinque serie tv/film preferiti.

Ah, ah, cinque... mi sento graziata, almeno non sono tre!

Libri: La trilogia di Phèdre. Sì, lo so, sono tre, ma non posso considerarli divisi. E se proprio devo scegliere allora La maschera e le tenebre.
Il buio oltre la siepe mi ha insegnato il famoso senso di giustizia, il "ascolta sempre l'altra campana". Ha segnato la mia adolescenza e anche il mio modo di scrivere.
La bambina e gli spettri rientra nella questione accennata prima: mi piace analizzare le cose, soprattutto i bambini, soprattutto i problemi psicologici. Adoro Tory Hayden per questo, è un libro che mi ha fatto male e mi ha lasciato il segno.
Il cavaliere d'inverno, perché è una storia d'amore come piace a me, ovvero in un contesto più articolato, con tanti altri personaggi, avventura e oh, sofferenza. Ah ah ah, ok, farò un salto dallo psicologo!
L'arte di amare di Erich Fromm. Letto alle superiori, mi ha aperto la mente su un paio di cosette.
Film: L'ultimo dei Mohicani è il mio film preferito in assoluto. Guerra, amore, avventura... e sofferenza! Altri film... oddio,è difficile ora decidere gli altri!
Vado su un cartone L'era glaciale 1. Un erotico: L'amante. Un classico: Mary Poppins. E un altro classico ET.
Ma la lista non è affatto esaustiva.
Ops, ho scordato le serie tv... mannaggia. Vabbè, sarà per la prossima intervista con più opzioni!

Tre buone ragioni per leggere Tiger Fighters

No. No, no! Questa è cattivissima. Io scrivo, non faccio pubblicità, se mi faccio pubblicità da sola finisce che nessuno leggerà mai niente di mio! Anzi, non leggetemi, non mi conoscete, non avete visto niente. Addio.

*come Alaisse e Angharad si sono immaginate Dilhani dopo questa risposta*

Dunque vediamo. Mi sforzo: leggetelo se vi piacciono storie con personaggi forti, anche troppo. Se vi va di leggere qualcosa che si svolge in un'India distopica. E se volete farvi del male...
Oh, ma dove andate tutti? Ah, non lo leggete più? Beh, io lo avevo detto...

Tranquilla, qualcuno a cui piace soffrire si trova!
La stesura di TF è stato un lavoro solitario, o hai avuto chi ti ha sostenuta e con cui hai potuto discutere alcuni dettagli per esempio?

Ehm, le due sfigate di turno sono state le mie due betareaders...

Cogliamo una leggerissima allusione... chissà come mai.

Per lo più solitario, perché l'ho scritto in due lunghissimi, spietati, noiosi, ecc, ecc, anni. Per il resto qualche domanda al mio ragazzo, qualche domanda al malcapitato di turno, e poi, sì, quelle due lì.

Ora ci odierai...

Il gran finale: cosa direbbero di te i personaggi di TF.
TA-DAAAN


Ah, ok, erano solo otto domande? Perfetto. Allora buonanotte, eh.

Torna qua! Vogliamo sapere!

Vediamo...
Daksha: «Sei una testa di cazzo, tu e quando ti viene in mente di sognarmi. Se vengo lì ti squarto, ti riduco in brandelli e ti do in pasto ai rakshasa, poi...»
Ops, ho interrotto la sua comunicazione.
Ravih: «Baciami il culo»
Oleg Mikhail: «Tutto molto bello, ma pensavo proprio sei frustrata. F.R.U.S.T.R.A.T.A!»
Swathi mi darebbe una carezza di incoraggiamento.
Keyton: «Ma la stronza proprio a me? Cosa ti ho fatto di male?»
Kajal: «Autrice, ti prego, vedi di risolvere questo casino. Subito.»

Sono adorabili. Davvero.
Ultima dichiarazione prima di salutarci?


Sì, vorrei fare il testamento: lascio tutti i miei libri a voi.

Davvero?! YEAH! \^O^/ LIBRIIII

Mi sa che ho appena commesso un grave errore: adesso anche voi mi volete morta.

No, dai. Se sei morta, come puoi scrivere? Ci teniamo ai tuoi libri che devono ancora essere scritti.
A parte gli scherzi, grazie per essere stata qui con noi ed esserti prestata alle nostre domande.

Il piacere è stato mio! Intervista divertente (ma ne ero certa) e domande davvero interessanti, originali e piacevoli. A parte quella sulla pubblicità!

GIVEAWAY

Per partecipare al giveaway dovete compilare il form sottostante. In palio c'è una COPIA AUTOGRAFATA di Tiger Fighters.
Il vincitore verrà estratto il 21 giugno.
Passaggi obbligatori:
- Essere follower di tutti i blog che ospitano il blogtour.
- Commentare tutte le tappe.
- Lasciare la vostra email nel form.
Ovviamente ogni condivisione è ben accetta!

a Rafflecopter giveaway

CALENDARIO BLOG TOUR


10 giugno - Prima tappa: Presentazione, Regin La Radiosa
11 giugno - Seconda tappa: Incipit, Dreaming Fantasy
13 giugno - Terza tappa: Intervista, La Bella e il Cavaliere
15 giugno - Quarta tappa: Personaggi, La Tana di una Booklover
17 giugno - Quinta tappa: Ambientazione & musica, Leggere Romanticamente
21 giugno - Sesta tappa: Giveaway, Sognando leggendo


Che ne pensate? Vi è piaciuta l'intervista?

* EDIT 20/06/2016

Alaisse & Angharad

5 commenti:

  1. Prendo volentieri tutti i libri di Silvani ah ah ah. Ottima intervista!!

    RispondiElimina
  2. La mia mail è: Aleks_como@Yahoo.it

    RispondiElimina
  3. Fantastica intervista! *_* Non vedo l'ora di scoprire per bene tutti i personaggi menzionati e intraprendere con loro questa nuova avventura! Complimenti a voi e all'autrice!

    RispondiElimina
  4. Mi avete immaginata giusta dopo quella risposta! XD

    RispondiElimina
  5. Non vedo l'ora di leggerlo! Da troppo tempo aspetto questo libro :)

    RispondiElimina

Grazie per averci visitato ♥
Se ti è piaciuto, ma anche se non ti è piaciuto, quello che hai letto, lasciaci un tuo commento: per noi è importante conoscere la tua opinione. Leggerti è sempre un piacere.