mercoledì 24 febbraio 2016

Blog Tour | Sogni di Carta - Quarta Tappa: Le tematiche del romanzo


Bentrovati, Bellissimi!
Ricorderete che avevamo annunciato che avremmo ospitato il Blog Tour di Sogni di Carta, romanzo di Melania D'Alessandro, ed eccoci giunti alla quarta tappa.

Se vi siete persi il post di presentazione e le tappe precedenti, trovate tutte le informazioni qui. Ricordiamo inoltre, che il Blog Tour si concluderà con un bel Giveaway (per sapere come partecipare e vincere i premi messi in palio, leggete attentamente il post di presentazione).
Per la nostra tappa abbiamo invitato Melania a casa Chevalier: lasciamo che si accomodi e rileggiamo insieme la trama del libro.


Titolo: Sogni di Carta 
Autrice: Melania D'Alessandro 
Pagine: 137, illustrato
Prezzo: 13,90 euro formato cartaceo 
Editore: Leucotea 
Data di pubblicazione: 23 febbraio 2016

Trama: Sogni di Carta è un negozio speciale. Tanto per cominciare, è gestito da un signore che veste sempre con abiti a quadretti e da un topo brontolone che va ghiotto di biscotti e viaggi fantasiosi. È una libreria magica, dove ogni parola scritta può diventare realtà e in cui i clienti vivono le avventure dei protagonisti delle storie come fossero proprie. Un giorno, tuttavia, libraio e topo di biblioteca si ritrovano ad affrontare guai seri: il mondo della fantasia è in pericolo e rischia di scomparire per sempre. Tra magici ripostigli, laboratori sognanti e personaggi straordinari si snoda la storia di Sogni di Carta, dove la magia diventa possibile e dove anche i lettori possono fare la differenza.

Oggi approfondiremo le tematiche presenti nel romanzo e, come annunciato, lo faremo in compagnia di Melania, alla quale lasciamo subito la parola.

Quando si scrive un libro, solitamente si intende lanciare un messaggio a chi legge. “Sogni di Carta” è intriso, dall'inizio alla fine, di tutto ciò che mi è più caro.

L'importanza della lettura.
In un mondo come il nostro, in cui la tecnologia sembra rimpiazzare la lettura di un buon libro e in cui si preferisce stare attaccati a tv, videogames e smartphone, ho voluto porre l'accento sui libri. Grazie a “Sogni di Carta” i bambini, ma anche gli adulti, sapranno riscoprire il piacere di una buona lettura, poiché le storie che i libri contengono possono donare molto. Leggere è essere liberi, è vivere mille vite e avventure, e tuffarsi tra le pagine di un libro significa spesso poter crescere e fare proprie le esperienze dei protagonisti, imparando da loro lezioni di vita importanti.

L'intelligenza.
La mia insegnante di Scienze delle superiori mi disse: “La curiosità è il primo sintomo dell'intelligenza”. Niente di più vero! In “Sogni di Carta” intelligenza e curiosità avranno un ruolo fondamentale nello svolgimento della storia, per far comprendere che incuriosirsi del mondo che ci circonda e voler conoscere e apprendere cose nuove ci permette di essere persone migliori, sempre rinnovate da quello spirito avventuriero che ogni bambino dovrebbe avere e che ogni adulto dovrebbe ancora portare e coltivare dentro di sé.

La collaborazione.
È un valore che stiamo via via perdendo, presi come siamo dal nostro egoismo di uomini moderni ed evoluti. Eppure, collaborando si può riuscire in imprese che, affrontate da soli, possono sembrare quasi titaniche.
Archimede, libraio professionista, dovrà lasciarsi aiutare durante un momento particolarmente difficoltoso per la sua libreria, così come egli stesso dovrà richiedere la collaborazione di altri per risollevare le sorti di Sogni di Carta. Anche i bambini dimostreranno di avere spirito di squadra, sorprendendo gli adulti e trasmettendo un messaggio importante anche al lettore.

Il gioco e il divertimento.
Spesso noi adulti dimentichiamo che la parola divertimento non è di esclusivo retaggio dei più piccoli. E, ancor più spesso, sembriamo non ricordare che i bambini sono il nostro futuro e che dovremmo educarli al meglio per vederli crescere in modo genuino. Gli adulti di oggi non si calano nelle realtà dei più piccoli e dimenticano che per rendere ai loro occhi interessante qualcosa che potrebbe essere potenzialmente noioso, l'unico modo è dare ai bambini un motivo in più per giocare. Il gioco è importante, anche per chi bambino non è più, e imparare giocando è possibile.
“Sogni di Carta” propone un prospettiva diversa, ludica e interattiva di guardare ai libri e alla parola scritta, per permettere anche a chi non è amante della lettura di divertirsi comunque e di mettersi in gioco.

L'ecologia, il riciclo e il rispetto dell'ambiente.
Da amante della natura quale sono, non potevano mancare questi tre temi, tutti collegati tra loro.
Che cosa mai centrerà l'ecologia con un romanzo che, apparentemente, parla dell'amore per i libri? Be', non posso rivelarvelo e lo scoprirete solo leggendo! Solo una piccola curiosità: i biscotti che Gulliver ama tanto sgranocchiare sono amici dell'ambiente, salutari (poiché non sono grassi) e non contengono ingredienti di origine animale.

Il saper affrontare i problemi.
Sono diversi gli episodi del romanzo in cui emerge questa tematica. L'arrendevolezza e l'autocommiserazione non sono previsti nel mondo di Sogni di Carta: i personaggi a cui ho dato vita sanno trovare l'intraprendenza necessaria per cavarsi fuori dai pasticci e dalle situazioni spiacevoli. Questo non significa che a loro non sia concesso di chiedere aiuto... ma il volersi mettere in gioco è più forte del resto e ognuno saprà affrontare a testa alta i mostri interiori e anche quelli che minacciano dall'esterno.

I genitori possono imparare dai propri figli.
Gli adulti, si sa, non sono perfetti. E' risaputo anche che quello del genitore sia il mestiere più difficile e impegnativo del mondo. Tra le pagine di “Sogni di Carta” viene indagato, seppur non approfonditamente, il rapporto tra genitori e figli, dando modo a entrambi di imparare qualcosa e di confrontarsi in modo costruttivo.

La scrittura.
Nelle pagine di “Sogni di Carta” ho dato ampio spazio a ogni figura riguardante il mondo dei libri: dallo scrittore all'editore, dal libraio al lettore. Il mio rapporto con la scrittura è molto particolare, essa fa parte di me e mi caratterizza nel profondo, per cui non potevo non parlare del sangue d'inchiostro che mi scorre nelle vene.

Il tempo.
Questo sconosciuto! Quanti di noi, ormai presi da mille improrogabili impegni, affermano di non avere più tempo a propria disposizione? Eppure anche nella giungla del mondo moderno dovremmo poterci ritagliare uno spazio per noi, per coltivare passioni, per smettere di essere macchine e ritrovare la nostra umanità, con i suoi bisogni e svaghi. “Sogni di Carta” ci parla anche di questo.

L'amore e l'amicizia.
Due sentimenti che stanno alla base della vita umana e che si ritrovano in ogni pagina del romanzo. L'amore qui non è inteso solo come quello tra due persone, ma anche nei confronti di una giusta causa, di una passione, l'amore per i libri e la conoscenza, l'amore per il proprio lavoro e per gli altri. I due protagonisti, Archimede e Gulliver, sono amici inseparabili, tuttavia anche a loro capita di litigare e di non trovarsi d'accordo. L'amicizia vera sa superare gli ostacoli, insegnandosi l'un l'altro a migliorarsi sempre e ad accantonare l'egoismo.


Che ne pensate? Vi è piaciuto questo approfondimento? A noi è sembrato molto interessante!

Ricordatevi di seguire le prossime tappe del Blog Tour, le trovate sui seguenti blog:

- Tappa 5: Le illustrazioni – venerdì 26 febbraio

- Tappa 6: I libri famosi citati nel romanzo – lunedì 29 febbraio

- Tappa 7: I commenti dei primi lettori – mercoledì 2 marzo

- Tappa 8: Recensione del libro – venerdì 4 marzo

- Tappa 9: Estrazione del vincitore del Giveaway - lunedì 7 marzo

Le Belle

12 commenti:

  1. Quante tematiche importanti!Nei libri per ragazzi ci si può proprio sbizzarrire!
    Mi è piaciuto molto ciò che hai raccontato sul rispetto per l'ambiente: il tuo essere vegetariana, i biscotti di Gulliver, il rispetto per gli animali e la natura. L'ecologia è un tema davvero importantissimo ed è impossibile negare che sempre più persone oggi sono impegnate per sostenerla!Se riesce un topolino dobbiamo farcela tutti!!!:)
    Altro argomento che mi colpisce molto è quello relativo al rapporto genitori-figli. Sono fermamente convinta che tutti possono imparare da chiunque, che sia una casalinga, un bambino, un cane,...purtroppo c'è tanta arroganza attorno a noi e molti sottovalutano chi hanno davanti!Sarebbe bello cambiare questa visione distorta delle cose. Però è parecchio difficile anche per un supertopo, mi sa!^_^ Ciao Melania!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A cambiare le cose ci si prova ;) Sono contenta che le tematiche ti siano piaciute tanto ^_^

      Elimina
  2. C'è sempre tempo per imparare e sapersi ascoltare e sono contenta che un topolino riesca a donare tutto questo.

    RispondiElimina
  3. Caspita
    Temi importantissimi da affrontare. Mi coinvolgono tutti da vicino. Soprattutto nella parte che riguarda i coinvolgimento dei bambini. Come mamma cerco di approcciarmi in un certo modo e trovo che i libri per ragazzi siano un ottimo punto di incontro.
    A presto e bellissima tappa.
    Chicca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Chicca! Eh sì, Sogni di Carta è molto pedagogico in questo senso.

      Elimina
  4. Temi importanti e che tutti dovremmo affrontare! Complimenti!

    RispondiElimina
  5. in questa storia vengono evidenziati valori importanti e indispensabili che spesso trascuriamo o diamo per scontato! ;)

    RispondiElimina
  6. Mentre leggevo questa tappa non ho fatto che pensare agli insegnamenti che cerco di trasmettere ogni giorno ai miei piccoli allievi, e che Mirial ha riassunto benissimo.
    Da assidua lettrice, cerco di trasmettere loro il mio amore per le storie di fantasia, sia con la lettura che con esperimenti di scrittura creativa.
    Devo ammettere che l'obiettivo è ancora lontano dall'essere raggiunto ma io non demordo XD
    Purtroppo come diceva Mirial, i bambini e i ragazzini di oggi sono troppo abituati a tv, videogames e smartphone, e talvolta dimenticano il piacere dei giochi semplici, con cui tutti noi siamo cresciuti.
    E poi l'importanza dell'amicizia e della collaborazione, il saper mettersi alla prova e il saper dare valore al tempo, sono tematiche fondamentali da affrontare, soprattutto per i più piccini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi meglio di te, dunque, può sapere quanto siano importanti le tematiche affrontate in Sogni di Carta?
      Io spero davvero che tramite il mio libro i piccoli lettori possano ricredersi riguardo la lettura. Sarà difficile eh, ma ci si deve provare!

      Elimina
  7. Temi uno più importate dell'altro! Imparare a dare valore al tempo, a collaborare con gli altri senza vivere la vita come una gara costante e saper affrontare in modo propositivo le difficoltà sono secondo me gli ingredienti per vivere bene. Sono molto felice che tu sia riuscita a parlare anche di ecologia, è un tema che anche per me è molto importante ed è giusto stimolare la sensibilità dei bambini per crescere adulti migliori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Contentissima che tu apprezzi l'ecologia, tema a me molto caro e che non potevo mancare di introdurre ^_^

      Elimina
  8. ritengo che siano tutti importanti l'ideale è un mix equilibrato

    RispondiElimina

Grazie per averci visitato ♥
Se ti è piaciuto, ma anche se non ti è piaciuto, quello che hai letto, lasciaci un tuo commento: per noi è importante conoscere la tua opinione. Leggerti è sempre un piacere.