mercoledì 1 aprile 2015

Il primo bacio a Parigi (Anna and the French kiss #1)

Stephanie Perkins

Titolo: Il primo bacio a Parig (Anna and the French kiss #1)
Titolo originale: Anna and the French Kiss (Anna and the French kiss #1)
Autore: Stephanie Perkins
Traduttore: Alessandra Maestrini
Editore: De Agostini
Prima edizione italiana: 3 febbraio 2015
Prima edizione: 2 dicembre 2010
Pagine: 428
Prezzo: Rigida - € 14,90
Link d'acquisto
Parigi, la città più romantica del mondo. Anna si sente un'ingrata, ma il collegio internazionale non era certo nei suoi piani. Eppure non ha avuto voce in capitolo: benché fosse all'ultimo anno ormai, il padre ha deciso di regalarle un'importante esperienza formativa all'estero, per la precisione nella School of America di Parigi.

Ma dai! Chi manda i figli in collegio? Fa tanto Hogwarts. Solo che qui non ci sono giovani maghi carini, né caramelle magiche o lezioni di volo.

Anna non conosce una sola parola di francese e di Parigi conosce giusto qualche nome significato e molti stereotipi. Parigi, poi, è così lontana dal fratello Sean, dall'inseparabile amica Bridgette e da Toph, il favoloso ragazzo del multisala, dove lavorava.
Parigi è lontana da casa.

Lo sento arrivare, ma non riesco ad arginarlo.
PANICO.
Mi hanno lasciata qui. I miei genitori mi hanno lasciata qui per davvero! IN FRANCIA!

Nonostante i tentativi di riprendere il controllo, Anna scoppia in lacrime e il suo pianto attira Meredith, la ragazza della stanza accanto. E con l'offerta di una chocolat chad, Anna conosce la sua prima amica a Parigi.
La stessa sera, mentre rientra nella sua stanza, Anna si scontra contro un ragazzo. Étienne St.Clair. E da quel momento tutto inizia a cambiare.

Circondata da amiche che mi avevano incoraggiato a leggerlo ancora prima che uscisse in Italia, avevo già alte aspettative verso il romanzo della Perkins. Aspettative che non sono andate deluse. Sono stata conquistata subito dallo stile: mi ha afferrata e trascinata sul letto di Anna, a Parigi, a osservarla mentre con i genitori disfaceva la valigia.
La voce narrante è quella di Anna e, contribuendo alla sua caratterizzazione, lo stile è semplice, diretto e molto vivace.
Di solito borbotto un po' davanti all'eccessiva semplicità stilistica perché tende ad appiattire le letture, ponendole tutte allo stesso livello di scorrevolezza: diciamolo, è facile divorare un libro scritto così. Il primo bacio a Parigi, però, equilibra la semplicità con uno sviluppo non banale.
La trama è scontata e sembrerebbe che la Perkins non presenti nulla di nuovo: una ragazza incontra un ragazzo e si innamorano. Poiché la storia finirebbe nei primi due capitoli, è naturale che ci sia qualche intoppo e vi assicuro l'autrice non rinuncia a un tocco di tragedia. Parigi sarebbe, in questa cornice, l'unico plus.
E, invece, seppur cucito all'interno degli schemi classici, questo romanzo ha qualcosa in più e non rinuncia a dare un'amichevole scrollata ai compagni di genere attraverso le osservazioni di Anna, ma anche distinguendosi nel suo complesso dagli ya.
Ad Anna bastano i capelli di Étienne, capelli da artista, capelli del tipo faccio-finta-che-non-mi-interessi-ma-in-realtà-non-è-così, l'accento inglese e il nome francese per perdersi in soffici nuvole rosa.

St. Clair sta parlando delle lezioni, che cosa devo aspettarmi il primo giorno, chi sono i miei insegnanti, ma io non sto più ascoltando. Ho occhi solo per il suo sorriso sghembo e la sua camminata sicura e spavalda.
Sono una sciocca proprio come tutte quante.

Evviva! Finalmente una protagonista che non deve denigrare le altre ragazze per sentirsi virtuosa e migliore!
Anna è consapevole di essere stata conquistata dal fascino di St.Clair, ma allo stesso tempo sa riconoscere una cotta e, sforzandosi di considerarlo off-limits, continuando a pensare al lontano Toph (il ragazzo con cui c'è stato soltanto un bacio), impara a conoscerlo meglio.
Inizia a notare che Étienne è basso, anche se non si comporta come la maggioranza delle persone basse: è aperto, solare, tanto da mettere in secondo piano la sua altezza. E non è tutto: St.Clair non è certo il solito ragazzo bello e impossibile, né è l'ormai inflazionato (ditemi che è così!) bad boy.
Tra Anna e St.Clair, si nota, c'è affinità e pian piano la loro amicizia diventa sempre più forte e profonda, tanto da fare dell'uno il migliore amico dell'altra. Non temo di fare un vero spoiler rivelando che la loro amicizia nasconde un sentimento più grande, ma è proprio questo elemento che ho trovato originale nel Primo bacio a Parigi.
L'amore non arriva dall'attrazione, ma matura e cresce con la reciproca conoscenza dei coprotagonisti. Non posso nascondere di aver provato una certa esasperazione nel corso della lettura: proprio perché è chiara l'evoluzione dei rapporti, non ho potuto sopportare l'indecisione e la codardia che la ostacolano.
Sebbene Anna, con la sua lucida consapevolezza e il sottile sarcasmo, resti il mio personaggio preferito, ho apprezzato molto lo sviluppo dato ai personaggi secondari e in particolare a Mer e Rashimi. La prima ha subito suscitato la mia simpatia, mentre Rashimi si è rivelata la vera scoperta: incontrandola tra le pagine, inizialmente si fatica a inquadrarla ma, proprio come accade nella realtà, il suo carattere riesce a emergere solo con il tempo.
Proprio come Rashimi, anche Josh si scopre con lo sviluppo del libro, ma è un personaggio che in un certo senso rimane sospeso e, poiché riesce a sostenere Anna e St.Clair, pur rimanendo in disparte, nutro speranze di conoscere qualcosa in più del suo futuro.
Ho lasciato alla fine Parigi perché questa città aggiunge un tocco in più a tutta la storia, ma non sarebbe bastato nominarla. La Perkins riesce a farla visitare anche a chi, come me, non è mai stato a Parigi, facendo dell'ambientazione la coprotagonista.
Il primo bacio a Parigi è una lettura piacevole e un romanzo dolce, capace di coinvolgere e far viaggiare il lettore, divertendolo, ma anche irritandolo. Consiglio questo romanzo a chi è in cerca di una dolcezza equilibrata e spensierata.

Lo spunto in più: ho apprezzato molto le lezioni di Letteratura e gli spunti di riflessione che vi vengono proposti.

Il mio voto

4 specchi

I libri della serie:
Il primo bacio a Parigi (Anna and the French kiss #1)
Il primo amore sei tu (Anna and the French kiss #2)
Isla and the Happily Ever After (Anna and the French Kiss #3) - Inedito in Italia

Amaranth

15 commenti:

  1. Anche se più o meno sapevo tutto ciò che ti era piaciuto e cosa meno, mi ha fatto un immenso piacere leggere questa recensione, fare la capriole perché l'hai apprezzato davvero ed emozionarmi ancora a ripensarci e lasciando la mia mente vagare ancora una volta per Parigi ♥ grazie tesoro! Bellissima recensione *-* approvo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per aver ascoltato/letto tutte le mie "lamentele" e proteste. Vorrei poterlo fare con tutti i libri :3

      Elimina
    2. Anche me vuole farlo con tutti i libri :3 inizio?

      Elimina
    3. Si può solo con i libri letti dall'altra. Sai come sono: spoiler, non spoiler e poi scatta il rifiuto.
      *sa di essere pessima*

      Elimina
  2. Anche se non si amano particolarmente gli YA e le storie d'amore un po' drammatiche e perennemente ostacolate da qualcuno/qualcosa, io sono dell'idea che questo romanzo non si può non amare.
    C'è qualcosa nascosto tra le sue righe che finisce per catturarti e regalarti quel pizzico di magia che ti ricorda com'è avere 16 anni ed essere innamorata.
    E poi c'è St.Clair, che con quel sorriso conquisterebbe anche i sassi. Lo so che è solo il personaggio di un libro, ma me lo sono immaginata talmente bene (e poi ho finito per associarlo a Nico Mirallegro in maniera indissolubile) che so che se fossi stata al posto di Anna ci sarei cascata anch'io con tutte le scarpe.
    Eh, l'amour...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, questo romanzo riesce a farti dimenticare che la base è sempre un po' la solita: ha una marcia in più e l'ho trovato molto più vicino e vero di altri romanzi.
      Certo che pure tu, tesoro, proprio Nico dovevi scegliere? Ora avrò dei problemi anch'io. E chi resiste a un ragazzo callipige? =P

      Elimina
  3. Ne stavo scrivendo anche io la recensione giusto prima di andare a lavorare. Io l'ho trovato molto carino. Mi è piaciuto un sacco il fatto che i due siano un ragazzo e una ragazza assolutamente normali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È proprio quello: Anna e St.Clair sono normali e questo li rende veri. L'ho molto apprezzato anch'io.

      Elimina
  4. Oltre alla tua Am, finora solo un'altra recensione è riuscita a farmi andare al di là del semplice fatto che questo romanzo sia una storia d'amore ambientata a Parigi, e sono sempre più convinta a leggerlo, aspetterò solo il momento adatto! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aspetta, Rosa. Io ho fatto così, a dispetto di tutti gli autorevoli consigli che ho avuto. Quando è arrivato il momento, l'ho letto: leggero, sì, ma con qualcosa in più.

      Elimina
  5. Ne sento sempre parlare bene però finora non mi aveva convinto, dopo la tua recensione credo invece che gli darò una possibilità! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per quanto me ne avessero parlato bene, temevo che non mi piacesse e, invece, è stata una vera sorpresa :3 Fammi sapere!

      Elimina

Grazie per averci visitato ♥
Se ti è piaciuto, ma anche se non ti è piaciuto, quello che hai letto, lasciaci un tuo commento: per noi è importante conoscere la tua opinione. Leggerti è sempre un piacere.