mercoledì 14 gennaio 2015

Gocce di magia

Ogni libro è una successione di immagini e parole. Spesso alcune di queste colpiscono più di altre, lasciandoci del libro quei ricordi che poi restano anche a distanza di anni. Questi piccoli frammenti di storie possono ricreare atmosfere ed emozioni.
Per questo, ogni settimana, condivideremo con voi un piccolo frammento di storia, nella speranza che lasci qualcosa anche in chi non l’ha ancora letta.

I ragazzi di Anansi, Neil Gaiman

«Ok. L’ultima volta che avevo deciso che ci dovevamo incontrare ho passato giorni interi, diciamo, a pianificare tutto. Volevo che fosse un incontro perfetto. Dovevo scegliere il mio guardaroba. Poi decidere le prime parole che ti avrei detto. Sapevo che l’incontro di due fratelli è il soggetto di molte epopee, giusto? Allora ho deciso che l’unica maniera per trattare la faccenda con adeguata serietà sarebbe stata quella di scrivere dei versi. Ma che tipo di versi? Dovevo fare un rap? Declamare liriche? Insomma… non ti potevo mica accogliere con un limerick. Quindi… doveva essere qualcosa di tenebroso e potente, qualcosa di ritmico ed epico. E alla fine l’ho trovato. Il primo verso perfetto. Il sangue canta il suo richiamo come sirena nella notte. Dice così tante cose. Sapevo che sarei riuscito a metterci tutto – moribondi nei vicoli, sudore e incubi, l’indomabile potenza degli spiriti liberi… Tutto, tutto ci sarebbe stato. E poi, davanti alla necessità di pensare al secondo verso il mio castello è crollato. L’unica cosa che mi veniva in mente era: La befana vien di notte con le scarpe tutte rotte
Ciccio Charlie strabuzzò gli occhi. «Chi sarebbe la befana?»
«Non saprei. Tanto per far capire il ritmo. Comunque non sono mai riuscito a spingermi oltre e non mi potevo certo presentare con un buon verso iniziale e qualche befana e spacciarlo per un poema epico, ti pare? Sarebbe stata una grave mancanza di rispetto nei tuoi confronti.»
«In effetti…»
«Proprio così. Quindi me ne sono andato una settimana alle Hawaii. È successo qualcosa, come ti dicevo.»




Angharad

6 commenti:

  1. Mi piace molto Neil Gaiman come autore, prima o poi leggerò anche questo romanzo ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me piace molto e ho intenzione di leggere tutti i suoi romanzi prima o poi. :)

      Elimina
  2. Finalmente sono riuscita a passare anche da voi, quindi non spaventatevi se vi trovate invase dai miei commenti! ;) E , anche se in ritardo, buon anno ragazze! :)
    E sappiate che siete crudeli! (O meglio, Angharad, sei crudele!) Non avevo intenzione di leggere questo libro perché, dopo American Gods avevo concluso che Gaiman, quando scrive per adulti, non fa per me (lo so che rasenta l'eresia!), però il pezzo che hai messo mi ha incuriosito e quindi mi sa che cci dovrò fare un pensierino! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come vedi io riesco a essere in ritardo anche in risposta ai commenti, quindi non ti preoccupare! XD
      Ahahah, sono perfida! :P Io ho da un po' il pallino di leggere tutto di Gaiman, quindi proverò i suoi romanzi. Finora ho letto solo Stardust, Nessun dove e Il cimitero senza lapidi e altre storie nere e sto leggendo questo. Per ora il mio giudizio è sempre positivo (vedremo se anche per I ragazzi di Anansi sarà così), anche se ancora devo provare American Gods. ^^

      Elimina
  3. Ce l'ho in libreria e ancora non l'ho letto! Devo rimediare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo! :D Ancora non l'ho finito, ma promette molto bene. :)

      Elimina

Grazie per averci visitato ♥
Se ti è piaciuto, ma anche se non ti è piaciuto, quello che hai letto, lasciaci un tuo commento: per noi è importante conoscere la tua opinione. Leggerti è sempre un piacere.