martedì 13 gennaio 2015

A prima vista

Le prime parole di un libro sono le scintille che accendono la curiosità e attraggono il lettore trascinandolo in un mondo nuovo, tra carta e emozioni. Vi invitiamo a scoprire gli incipit che ci hanno più appassionato e che abbiamo scelto per invogliare anche voi a proseguire la lettura.

La corsa delle onde, Maggie Stiefvater

È il primo giorno di novembre e quindi, oggi, qualcuno morirà.
Anche se il sole splende radioso, il gelido mare d’autunno ha i colori della notte: blu scuro, marrone e nero. Osservo le tracce mutevoli nella sabbia calpestata da innumerevoli zoccoli.
Fanno correre i cavalli sulla spiaggia, una pallida striscia fra l’acqua scura e le bianche scogliere di gesso. Non è mai un posto sicuro, ma non è mai tanto pericoloso quanto oggi, il giorno della corsa.
In questo periodo dell’anno, vivo e respiro la spiaggia. Ho le guance ruvide a causa della sabbia sollevata dal vento e le cosce irritate dall’abituale attrito con la sella. Mi fanno male le braccia per lo sforzo di trattenere un cavallo da duemila libbre. Ho dimenticato cosa si prova a stare al calduccio, cosa significa un’intera notte di sonno e come suona il mio nome pronunciato con un tono normale invece di essere gridato a distanza.
Mi sento così vivo.

Amaranth

4 commenti:

  1. Vabbè, ho capito, lo inserisco nella TBR di Febbraio U.U
    *w*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta di averti "spinto" a leggerlo presto =P

      Elimina
  2. Contro ogni mia previsione ho veramente adorato questo libro!!!! *________*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse io ero predisposta a innamorarmene. C'è il mare e c'è passione, ma penso che sia davvero un piccolo capolavoro ^^

      Elimina

Grazie per averci visitato ♥
Se ti è piaciuto, ma anche se non ti è piaciuto, quello che hai letto, lasciaci un tuo commento: per noi è importante conoscere la tua opinione. Leggerti è sempre un piacere.