domenica 24 novembre 2013

Sala di Lettura: La ragazza di fuoco di Suzanne Collins

Terza tappa


Non c’è modo migliore di iniziare la terza e ultima tappa.
Questa è stata la nostra espressione nelle pagine finali de La ragazza di fuoco. E più precisamente da

—Dov'è Peeta? — sibilo.
—È stato preso dalle forze di Capitol City insieme a Johanna ed Enobaria — risponde Haymitch.
E finalmente ha la decenza di abbassare lo sguardo.


a

—Katniss, il Distretto 12 non esiste più.

Chiuso il libro. Stessa espressione, che però lentamente si trasforma in lacrime.

Sì, siamo partite dalla conclusione, ma non abbiamo potuto farne a meno. La Collins ci ha fornito un finale col botto, nel senso che il botto ci è arrivato dritto in faccia.
Povere noi.
Riprendiamo il filo, però.

Avevamo lasciato Katniss appena risalita nell’Arena, dopo aver assistito alla morte di Cinna.

Questo non è il posto giusto per una ragazza di fuoco.

L’Arena dell’Edizione della Memoria rivela molte sorprese, è insolita nella sua struttura e i Tributi si troveranno a dover risolvere l’enigma costituito dalle sue insidie.
Katniss e Peeta si ritrovano alleati dell’affascinante Finnick, per merito di Haymitch, e di Mag.
Kat non si fida, anche se decide in un primo momento di mantenere questa alleanza. Proseguendo nei giochi non mancheranno altri alleati: la scontrosa Johanna e i geniali Beetee e Wiress.
Ed è proprio Wiress a capire cosa cela l’Arena: è un orologio e a ogni ora, da mezzanotte in poi, si attiva una delle trappole nei diversi quadranti.

Anche questa volta non mancano le vittime di questi giochi e, seppur nel suo stile asettico e privo di fronzoli, la Collins riesce a lanciare pugnalate ai nostri cuori.

È chiaro fin da subito che sta succedendo qualcosa. I Tributi alleati cercano in tutti i modi di proteggere Kat e Peeta, e anche altri indizi lasciano intendere che ci sia qualcosa in preparazione al di fuori dei giochi.
La nostra Katniss, però, mostra ancora il suo lato pragmatico e la sua assoluta incapacità a individuare strategie più complesse. Non si fa venire nemmeno il più lontano sospetto, ma rimane concentrata sull’obiettivo: salvare Peeta e eliminare la concorrenza. Il resto non la sfiora. Rimane così completamente sorpresa dallo scoprire che Haymitch e i Tributi alleati hanno lavorato insieme al fantomatico Distretto 13 per salvare lei e Peeta.
Anche se, per la disperazione nostra e di Katniss, Peeta viene catturato da Capitol City.

E qui è iniziato il dolore e l’assoluta incapacità di fermarsi e non leggere Il canto della rivolta.

Nonostante le lacrime, non possiamo esimerci dal parlare della Scena. Quella Scena. La madre di tutte le scene. Avete capito, no?

«Ang, finiscila. Sei enigmatica. Invece, dovresti fangirlare come si deve»
«Un po’ di suspence, Am! Non hai rispetto per la suspence.»
*sguardo spazientito di Am*
«Va bene! Vuoi il fangirling? Lo avrai.»

Dico solo una parola: spiaggia.
Non è stato un amore Peeta? Se non lo amassimo già, lo avremmo fatto in quel momento. Anzi, ci siamo nuovamente innamorate.

—La tua famiglia ha bisogno di te, Katniss — conclude Peeta.
La mia famiglia. Mia madre. Mia sorella. E il mio finto cugino Gale. Ma l'intento di Peeta è chiaro. Vuole che Gale sia davvero la mia famiglia, o che lo diventi un giorno, se sopravvivo. Che lo sposi. Così Peeta mi sta regalando al tempo stesso la sua vita e Gale. Per farmi sapere che non devo mai dubitare di lui. Tutto. Ecco cosa vuole che prenda da lui: tutto.
Aspetto che parli del bambino, che reciti per le telecamere, ma non lo fa. E così so per certo che nulla di tutto ciò fa parte degli Hunger Games. E che mi sta dicendo la verità su quello che prova.
—Non c'è nessuno che abbia davvero bisogno di me — dice, e non c'è autocommiserazione nella sua voce. È vero che la sua famiglia non ha bisogno di lui. Loro sentiranno la sua mancanza, insieme a una manciata di amici. Ma tireranno avanti. Anche Haymitch, con l'aiuto di qualche barile di alcool, tirerà avanti. Mi rendo conto che una sola persona verrebbe distrutta irreparabilmente dalla morte di Peeta. Io.
—Io sì — gli dico. — Io ho bisogno di te. —


E poi il bacio. Seriamente, siamo partite per la tangente. Uno dei pochi momenti di felicità che abbiamo avuto. E ce lo siamo godute per bene.
La dedizione totale di Peeta a Kat si vede in ogni suo gesto e parola, ma quando arrivano questi momenti, quando lui si mostra senza alcuna maschera a beneficio di Capitol, raggiunge livelli insospettabili.

E così Am ha intrapreso la rilettura del terzo e Ang l’ha iniziato. Scorreranno nuovamente lacrime. Ma questa è un’altra storia.

Un altro motivo di fangirling, invece, è l’uscita nelle sale cinematografiche del film il 27 novembre. Noi siamo più che impazienti di andare a vederlo!
Adoriamo il cast e la resa dei film e speriamo che anche questo mantenga le aspettative. Rivedremo Jen e Josh sul megaschermo!!! E sì, anche Liam (anche se Ang non sopporta Gale, adora il suo prestavolto). E poi ci saranno Finnick e gli altri.

Mi raccomando, invadete le sale, Tributi!



E come gran finale, abbiamo un giochino per voi. Dovrete aiutare Katniss a percorrere il labirinto per raggiungere Peeta, cercando di evitare le insidie del Labirinto-Arena.

Inviateci la soluzione via mail all’indirizzo labellaeilcavaliere@gmail.com

E non possiamo che ringraziarvi per la partecipazione, per i vostri commenti sempre frutto di belle discussioni. Leggere insieme un libro aiuta a vederne varie sfaccettature, a capire quanto ognuno possa trarre opinioni differenti.
Grazie, grazie, grazie. Siete stati i migliori Tributi che potessimo avere.
Purtroppo, come nei veri Hunger Games, ci sarà una sola vincitrice. Ci riuniremo al più presto per decretare la fortunata.

Possa la buona sorte essere sempre a vostro favore!

Amaranth & Angharad

12 commenti:

  1. Eccomiii :D concordo con tutto quello che avete detto. La Collins per me diventa sempre più geniale, cioè un meccanismo ad orologio? Pazzesco. Ricco di emozioni anche questo secondo libro, per dirla tutta, ho sclerato di brutto XD (sopratutto alle pagine finali. Noooo Peetaaa :( Giuro che trattenermi dal leggere il terzo libro è stata un impresa mastodontica e spero proprio che la terza sala di lettura inizi al più presto ( ci sarà vero?Ditemi di si *-*) E' ufficiale girls, sono innamorata di Peeta, mi ha letteralmente conquistata. Stupenda la scena sulla spiaggia, lui è così dolce ed altruista che è impossibile rimanere indifferenti. In quel momento avevo gli occhi a cuoricino. Che succederà nel prossimo libro?Mamma mia, non vedo l'ora di poter continuare la lettura ma allo stesso tempo, il pensiero che sia l'ultimo libro mi devasta :/ Come farò dopo? U.U
    Grazie a voi per aver organizzato questa sala lettura, che è stata anche la prima a cui ho partecipato. E' stato bellissimo condividere con voi le emozioni scaturite dalla lettura di questo libro.Mi sono divertita un mondo, e spero la cosa si possa ripetere. Corro all'inseguimento di Peeta nel labirito eheh ;P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una Sala dedicata al Canto della Rivolta? Può darsi che ci sarà, ma non a breve. We are sorry, so sorry!
      Tutti a inseguire Peeta nel frattempo: dobbiamo riportarlo a casa!
      p.s. È stato un piacere leggere con te!

      Elimina
  2. Okay, ci siamo.
    *prende un respiro profondo*
    Ce la posso fare. Posso commentare questo finale senza andare fuori di testa come è successo la prima volta che l'ho letto.
    *altro respiro profondo*

    Ho finito di leggere il libro ieri sera. Lunedì ero riuscita ad arrivare a quindici pagine dalla fine, ma poi mi sono trattenuta, perché, sapendo ciò che mi aspettava nel finale, dovevo riuscire a prepararmi psicologicamente.
    Nonostante tutto, La ragazza di fuoco rimane il mio libro preferito della trilogia.
    E' il mio libro preferito per tanti motivi, uno tra questi è la bellissima beach scene. Nulla da togliere alla cave scene del primo libro, ma qui è tutta un'altra storia. C'è sentimento vero, c'è tenderness, ci sono montagne e montagne di feelings dei fan che in tutto il mondo aspettavano finalmente un bacio vero, sincero.
    Peeta è la cucciolosità fatta personaggio. Amo il suo modo di essere così semplicemente innamorato, senza aspettative nei confronti di Katniss ma comunque pronto a regalarle tutto se stesso, a dare la sua stessa vita se fosse necessario.
    E' il mio libro preferito della trilogia per il modo in cui sono state concepite l'edizione della memoria e l'arena, così crudelmente reali. Ogni settore che hanno affrontato è stato un pugno allo stomaco.
    E' il mio libro preferito della trilogia perché il finale è così inaspettato, assurdo e spettacolare che quando l'ho letto per la prima volta non riuscivo a decidermi se lanciare l'e-reader o mettermi a piangere.
    E' il mio libro preferito della trilogia perché in fondo è il libro dove cadono tutte le maschere, e Snow, così come Katniss, Peeta e gli altri personaggi si rivelano per quelli che sono.
    So anch'io che non resisterò e vorrò leggere Mockingjay, e che piangerò leggendolo, e vorrò coccolare Peeta, e mi arrabbierò con Katniss perché diventerà insopportabile, e vorrò salvare tutti quelli che cadranno in battaglia.
    Ma questa è un'altra storia.

    Vi ringrazio ancora per avermi suggerito di rileggere il libro organizzando questa lettura di gruppo.
    Vorrei davvero tanto riuscire a vedere il film insieme a voi, siete delle stupende tributes :3
    A presto carissime, vi mando un abbraccio!

    Anna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yay! Un bacio vero *^* C’è stata una festa arrivate a quella scena.
      Davvero un finale inaspettato e doloroso. Ang era decisamente sotto shock, non riusciva a crederci.
      Grazie a te per aver partecipato, dolce Annie! ♥
      Vorremmo anche noi poter vedere con te il film: sarebbe una serata epica!

      Elimina
  3. Eccomi, ci sono anche io, scusate ma ho latitato un pò.....
    Io avevo già letto questo secondo volume e tutto grazie alla vostra sala di lettura che mi ha permesso di avvicinarmi a questa serie che ormai ADORO.
    Sono in attesa di andare a vedere la ragazza di fuoco al cinema e, sinceramente, credo che il mio ragazzo comprerà i biglietti solo per farmi smettere di saltare ovunque urlando Peeta, Peeta!
    Che dire di questo secondo volume? L'ho letto praticamente in una notte, l'ho divorato: mi si è spezzato il cuore, ho avuto paura insieme a Kat, volevo a tutti i costi che entrambi si salvassero e quando ho letto che Peeta non ce l'aveva fatta, non ho potuto resistere e mi sono fiondata sul terzo.
    Il distretto 12 non esiste più....BANG! Esite però il distretto 13...BANG! Peeta è rimasto indietro...BANG, BANG, BANG....Ok la Collins aveva deciso di farmi morire di crepacuore. Questa serie è stupenda!
    P.S: Per chi non l'avesse ancora fatto: preparatevi a leggere il terzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo contente di averti permesso di scoprire e di innamorarti di questa serie. Povero Fidanzato! Immaginiamo che ormai se ne sia fatto una ragione! XD
      Letto in una notte? Crediamo che possa essere un record!
      Grazie per aver partecipato

      Elimina
  4. Uffiii, è già finito il GdL :( non possiamo andare avanti con Il canto della rivolta????? :D
    Comunque ragazze mi sono divertita moltissimo in questa Sala di lettura! ^_^ Spero davvero che ne organizzerete presto altre.
    Ma ora torniamo alla nostra ragazza di fuoco...
    La Collins non mi ha deluso per niente, un colpo di scena dopo l'altro; la trovata del meccanismo dell'orologio è stata davvero geniale (complimenti a Rotella per averlo intuito prima di tutti! XD). Per non parlare poi del Distretto 13...insomma, si era già capito che questo fantomatico distretto non era andato completamente distrutto, ma che addirittura gli abitanti stessero fomentando già da tempo una rivolta contro Capitol City, questo proprio non me l'aspettavo!
    Sapevamo che la nostra ragazza di fuoco era riuscita a infuocare gli animi degli abitanti dei distretti di Panem, ma l'Autrice ha fatto molto di più stavolta: l'ha fatta diventare il simbolo di una rivolta. E' lei la ghiandaia imitatrice!!!!!! *___*
    Il finale è stato sorprendente, però bisogna dire che la Collins è crudele... prima l'aggressione di Cinna e ora il rapimento di Peeta?! Nooooo! >_<
    Comunque ragazze è chiaro che la piccola Katniss finalmente inizia a rendersi conto che prova qualcosa per Peeta!!! Questa frase, in particolare, mi è piaciuta troppo:

    "Anziché saziarmi, i baci hanno l'effetto opposto. Rendono ancora più grande il mio desiderio. Credevo di essere un'esperta di fame, ma questa è tutta un'altra cosa."
    Inutile dire che questa saga è entrata a tutti gli effetti nella lista dei libri che adoro. E' davvero bellissima e ben curata in ogni dettaglio. Non mi rimane che darmi da fare per procurarmi Il canto della rivolta...con un finale del genere non si può certo stare ad aspettare! ;)
    Alla prossima, Belle!! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccone un'altra. Be', ci sentiamo obbligate! La faremo, okay? (Faremo la Sala, vero? *bisbigliano*) Sicuramente ce ne saranno tante altre.
      Siamo contente che La Ragazza di fuoco ti abbia conquistata: non ti resta che leggere Mockingbird.
      p.s. La frase è anche una delle nostre preferite.

      Elimina
  5. Un blog carino e simpatico, lo sfondo è davvero bello, grazie per la visita ;)

    RispondiElimina
  6. Finalmente abbiamo visto la seconda Arena. Nonostante l'idea in sé sia una cosa agghiacciante, mi è sembrata una trovata geniale. L'orologio, il fatto che ogni settore abbia una prova diversa da affrontare... è tutto orchestrato in modo così perfetto da non poter fare a meno di ammirare l'estro degli Strateghi. Certo, se avessero fatto altro sarebbe stato meglio per tutti, ma d'altronde non ci sarebbe stata nessuna storia da raccontare altrimenti.
    E Peeta.
    Peeta!
    Torna da Katniss, o almeno torna da me T____T
    Ovviamente io non mi sono fermata al finale, come potevo? Lasciare Peeta nella mani di Capitol City era troppo.
    Di nuovo Katniss dà mostra della sue abilità di sopravvivenza anche se quanto a intrighi è messa male. Anche in questo libro mi è piaciuta. Sa essere forte e indipendente ma allo stesso tempo si rende conto di non poter fare tutto da sola e ha uno scopo diverso dal primo libro: salvare Peeta. Il fatto che alla fine non ci riesca non fa che rendere il tutto più straziante.
    Confesso che ero già pronta alla classica carneficina stile Hunger Games, e il fatto che si siano salvati in così tanti mi fa solo temere di più per il terzo libro.
    Vabbè, intanto mi godrò il film e speriamo che abbia mantenuto il livello del primo.
    Grazie, ragazze, per avermi coinvolto in questo nuovo fangirling ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehi, coccodè! Che diritti credi di avere su Peeta? Metti giù le mani e smettila di pensare a lui in quel modo.
      p.s. Ce n'è voluta per convincerti, ma ce l'abbiamo fatta! Quando andiamo al cinema?

      Elimina

Grazie per averci visitato ♥
Se ti è piaciuto, ma anche se non ti è piaciuto, quello che hai letto, lasciaci un tuo commento: per noi è importante conoscere la tua opinione. Leggerti è sempre un piacere.