lunedì 11 novembre 2013

L'età sottile

Francesco Dimitri

Buongiorno, Viandanti!
Oggi il nostro blog ospita la quinta tappa del blogtour per “L’età sottile” di Francesco Dimitri. Potete recuperare le altre tappe (ve le riportiamo linkate qui sotto), nel caso vi foste fatti scappare quest’occasione.

#1 tappa - 14 ottobre: Il profumo dei libri
#2 tappa - 21 ottobre: Reading is Believing
#3 tappa - 28 ottobre: Stelle nell'Iperuranio
#4 tappa - 04 novembre: Books Land
#5 tappa - 11 novembre: La Bella e il Cavaliere
#6 tappa - 18 novembre: Mr. Ink: Diario di una dipendenza
#7 tappa - 25 novembre: Il profumo dei libri

Prima di tutto vorrei ringraziare Bianca Marconero e la Salani che con l'entusiasmo, della prima, e la disponibilità, della seconda, insieme hanno reso possibile questo blog tour.

Titolo: L'età sottile
Autore: Francesco Dimitri
Editore: Salani
Prima edizione: 9 maggio 2013
Pagine: 396
Prezzo: € 15,90


Iniziare questo libro è stato un po’ come leggere per la prima volta Harry Potter. Non parlo della storia ma della sensazione provata nell’iniziare. Per un attimo sono tornata indietro alle mie prime letture, quando l’eccitazione per la storia in cui mi stavo imbarcando cancellava il resto del mondo e sapevo, al di là di ogni logica, che stava per succedere qualcosa di meraviglioso.

Lo incontrai per la prima volta a quattordici anni. Era la fine dell’estate, che a quell’età somiglia alla fine del mondo. L’estate ha un brutto modo di andarsene: muore lentamente, come una persona malata quel tanto che basta da darti il tempo di soffrire, ma non quello di abituarti all’idea che non ci sarà più.

Quando Gregorio incontra Levi non sa che quell’uomo dall’aria distinta rivoluzionerà completamente la sua vita e lo farà in modo assurdo e imprevedibile: gli insegnerà la magia.

«Voglio insegnarti la magia».
«Perché?».
«Perché posso».


Niente fiamme dalle mani, niente evocazioni di demoni o altri eventi prodigiosi. Levi gli consegna un biglietto da visita.

Ovviamente avrei dovuto buttarlo, non avrei dovuto pensarci neanche per un istante. Ma non c’è niente di ovvio a sedici anni, né mai.

Gregorio non può prendere sul serio Levi perché…

Io ero uno studente di liceo classico: per me gli dei erano un branco di tizi molto vecchi che facevano cose noiose in greco. E se uno vuole insegnarti la magia non ti si avvicina in un cesso pubblico per darti un biglietto da visita.

Nonostante tutte le sue riserve, Gregorio è curioso. Levi gli sembra un uomo qualunque, forse un po’ matto, ma di sicuro non il grande mago che dice di essere. Così sta al gioco, entra nella tana del Bianconiglio.

«Il punto non è cosa vedi, Gregorio: il punto è cosa scegli. Vedere o no è irrilevante».

L’inizio del cammino di Gregorio sulla strada della magia è quasi un gioco, un modo per passare le lunghe settimane estive a Portodimare, prima di tornare a Roma e alla vita vera. Ma non si può tornare indietro, Gregorio se ne rende conto nel modo più duro e si troverà così diviso in due, tra la sua vita con il Maestro e la Realtà, quell’imbrogliona.

Rivelarvi altro sulla trama sarebbe un delitto, perciò mi fermo qui.
Ho letto questo libro senza nemmeno leggere la trama, fidandomi ciecamente del consiglio di Bianca Marconero che è stata l’iniziatrice di tutto questo. Forse è stato il non sapere nulla a rendere così travolgente la lettura, o forse è stato semplicemente merito del talento di Dimitri, che ha saputo catturarmi fin dalle prime righe. Qualunque sia la ragione, L’età sottile mi ha conquistata.
Si parla di magia, è vero, ma si parla soprattutto di crescita, di scelte e di cambiamenti. La strada per diventare mago è lastricata di difficoltà che portano Gregorio a rivedere se stesso, mettere in discussione ciò che fa e l’uomo che vuole diventare, a scoprire nuovi lati di sé che forse sarebbe stato più facile ignorare.

«Non lo so, vorrei potermi considerare una brava persona».
«Lo vorremmo tutti».


E poi c’è lei, la magia vera e propria. La magia che va oltre i trucchi di prestigio, oltre gli incantesimi e oltre tutto ciò che la nostra mente può sognare.

«Volontà e Immaginazione, Gregorio: è il nodo che forma la magia».

Quello che mi è piaciuto di più è stata proprio la voce narrante, il punto di vista di Gregorio, così normale e così diverso. È stato facile immedesimarsi in lui, nel suo scetticismo iniziale, nella sua scelta di provare, anche se solo per gioco, e poi nel suo bisogno di andare avanti. Quando decide di andare da Levi non ho potuto fare a meno di chiedermi: cosa farei io al suo posto?
Non ho ancora trovato la risposta.
Allora lo chiedo a voi: cosa fareste se un uomo, un giorno, vi proponesse di diventare il suo apprendista? Chiamereste la polizia o lo seguireste?

Io sono convinta che in fondo siamo tutti in attesa di un Levi, di qualcuno che spalanchi per noi le porte dell’incredibile, le porte della magia. E forse è già successo, solo che non ce ne siamo resi conto e abbiamo perso la nostra occasione. O forse no.
Nel dubbio, io mi tengo pronta.

Il mio voto

5 specchi

Alaisse

16 commenti:

  1. Fantastica recensione! Vedo che Dimitri, alla fine, ci ha messi tutti d'accordo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie^^
      Sì, mi aggrego anche io al fanclub!

      Elimina
  2. Concordo su tutto, dalla prima all'ultima riga!!!!
    E come Monica mi piace constatare che alla fine Questo libro ci ha messi tutti d'accordo...ed impressionante se ci penso perchè i nostri blog sono tutti totalmente diversi, tra di noi - mi ci infilo anche se non partecipo al blog tour ma ho letto e recensito con entusiasmo questo libro grazie a voi - ci sono persone così differenti, con nel cuore genere letterari non sempre uguali ma questo libro non so...ha qualcosa di speciale!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo, questo libro ha decisamente qualcosa di particolare! Forse è proprio la capacità di Dimitri di scrivere una storia che trascende i vari generi letterari e che sa mescolare tanti elementi diversi.
      Speriamo di convincere tanti altri lettori!

      Elimina
  3. State pubblicando tutte delle recensioni stupende...e a quanto pare il giudizio è unanime!! xD Spero davvero di poterlo leggere al più presto *-*...andrà a finire che sotto Natale lo ordinerò da internet!! u.u

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ordinalo, fattelo prestare, cercalo in biblioteca... l'importante è leggerlo! E poi fare passaparola ;)

      Elimina
  4. Eh sì tutti aspettiamo Levi v.v quando arriva?!
    Bellissima recensione Ale :3 mi è piaciuto tanto come l'hai arricchita con le citazioni ripercorrendo l'inizio della trama *A*
    E non potrei essere più felice per i cinque meritatissimi specchi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Deni^^
      Io sono molto restia a dare i 5 specchi, di solito quando sono in dubbio penso sempre: "cosa mancava per essere perfetto?". Se trovo più di un elemento, il 5 non lo do. In questo caso non sono riuscita a pensare nemmeno a un motivo per non dare il massimo XD

      Elimina
  5. Da brava seguace del blog tour eccomi qui! :3
    Beh, io non vedo l'ora di leggere questo libro meraviglioso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero solo che ti piaccia quanto è piaciuto a me! =)

      Elimina
  6. Recensione molto molto molto originale ^^ stupenda *.*

    RispondiElimina
  7. Ho appena commentato da Mik e ora che ho tempo recupero anche il tuo post Ale.
    Bella bella bella. Mi è piaciuto molto come hai inserito diverse citazioni nella recensione, rende il tutto ancora più profondo e collegato al libro. Da modo, a chi L'età sottile non la conosce, di immedesimarsi subito nella storia.
    Invogli e incuriosisci la lettura... e ti giuro che sono così contenta di sapere che è piaciuto molto anche a te, potremmo quasi creare un fanclub xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io voto a favore del fanclub! Mi è piaciuto davvero tanto e di certo non sarà l'ultimo libro di Dimitri che leggerò XD

      Elimina
  8. Questo libro è magia, anche nei suoi aspetti più crudeli e spiazzanti.
    Lo stile di Dimitri è qualcosa di unico: ogni parola ha un suo peso specifico, un potere. Non potrei essere più contenta di averti sgraffignato il libro :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi sgraffignare i miei libri quanto vuoi =P Dimitri merita anche il superamento di certi confini legali come il furto ;)

      Elimina

Grazie per averci visitato ♥
Se ti è piaciuto, ma anche se non ti è piaciuto, quello che hai letto, lasciaci un tuo commento: per noi è importante conoscere la tua opinione. Leggerti è sempre un piacere.