giovedì 8 agosto 2013

Sine Tempore

Esame di storia.
«…e Garibaldi fuggì in America Latina»
«E cosa portò dal Sudamerica al suo ritorno?»
*momenti di panico. Il cricetino nella testa di Amaranth inizia a correre più velocemente*
«E in America Latina c'era…»
«No, no, signorina. È un oggetto. Ci pensi bene: come viene ritratto Garibaldi?»

E se Garibaldi non fosse mai ritornato dal Sudamerica? Cosa sarebbe accaduto?

È questo il genere di domande che si sono posti gli autori della raccolta Sine tempore, terzo progetto antologico della casa editrice La Mela Avvelenata.
«Si dice che il minimo battito d'ali di una farfalla sia in grado di provocare un uragano dall'altra parte del mondo»

The Butterfly Effect, 2004

Gli autori de La Mela Avvelentata hanno lasciato le loro penne libere di riscrivere la storia, rispondendo alle domande e alle ipotesi dettate dalla immaginazione più fervida e consentendo all'elemento fantasy o a quello fantascientifico di intrufolarsi tra le pagine del tempo. Sono, infatti, racconti ucronici: realtà parallele che la fantasia può creare e far vivere.
A partire dal mese di luglio i racconti sono stati pubblicati singolarmente in previsione dell'uscita dell'antologia completa e contenente degli inediti a settembre.

L'antologia è curata da Alexia Bianchini e contiene la prefazione di Claudio Cordella.

Da amante dei romanzi storici e del genere fantasy, ho già dato un'occhiata ai titoli che sono stati pubblicati (clicca qui per raggiungere la pagina della raccolta) e ammetto di essere incuriosita da alcuni. Vi riporto le trame, così che possiate dirmi la vostra opinione.

My little ladydi Serena M. Barbacetto

Detroit, 1936: una tecnologia abbandonata e il grande sogno di un uomo avrebbero potuto disinnescare lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale?

Serenissima di Emanuele Delmiglio

Cosa sarebbe successo se, trent’anni prima di Colombo, le “Indie” fossero state scoperte da navigatori veneziani?

Qual è il vostro rapporto con l'ucronia?
C'è qualche racconto che vi piacerebbe leggere?

p.s. Garibaldi, al ritorno dal Sudamerica, indossava un poncho.

Amaranth

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per averci visitato ♥
Se ti è piaciuto, ma anche se non ti è piaciuto, quello che hai letto, lasciaci un tuo commento: per noi è importante conoscere la tua opinione. Leggerti è sempre un piacere.