giovedì 1 agosto 2013

Cose che nessuno sa

Alessandro D'Avenia

Sono affetta da una grave forma di pigrizia. Lo dichiaro pubblicamente. Tutto quello che riesco a fare in questi giorni è guardare Doctor Who (esultate, ma non spoilerate: sono solo, ancora per poco, a metà della terza stagione), bere yoghurt e leggere.
Resta il fatto che ho un paio di recensioni in arretrato e, quindi, sarebbe meglio che mi impegnassi un po'. Pensando al libro di cui vi voglio parlare, mi è venuto in mente che non mi aspettavo assolutamente nulla e che, invece, mi ha dato molto. Probabilmente è dipeso da una fortunata coincidenza di fattori, tra cui il mio stato d'animo. A voi è mai capitato di scoprire tra le pagine di un libro, qualcosa di più? Un messaggio diretto a voi?

Titolo: Cose che nessuno sa
Autore: Alessandro D'Avenia
Editore: Mondadori
Prima edizione: ottobre 2011
Pagine: 332
Prezzo: Rilegato - € 19,00

Mi sto sforzando di ricordare perché ho sottratto questo libro alla mia amica e… niente. Non lo so. Sarò rimasta sorpresa dalla presenza di un libro nella sua stanza, con tanto di data relativa alla conclusione della lettura. Evento raro. Sì, questa teoria mi sembra molto plausibile. Avrò pensato: «Se l'ha letto lei, lo devo leggere anch'io».
In effetti la lettura è stata molto veloce, ma non per le ragioni che mi aspettavo.
Molti avranno conosciuto Alessandro D'Avenia con il romanzo Bianca come il latte, rossa come il sangue, apprezzato da molti tra cui la sottoscritta, ma con qualche riserva. Questo spazio non è però dedicato all'esordio di D'Avenia e, pertanto, eviterei di soffermarmici. Anche perché credo di non aver dato troppa importanza al fatto che si trattava dello stesso autore.

L'estate volge al termine. Margherita inizierà le scuole superiori: un momento importante, carico di aspettative e incertezze. Ma non è così che lo vive. Da poco suo padre se ne è andato via, lasciando soltanto un messaggio in segreteria. Come andare avanti quando una parte così importante della tua vita ti abbandona, vulnerabile e ferita? Margherita, come l'ostrica che si chiude imprigionando nella conchiglia il predatore, cerca di isolare il suo dolore e, come anestetizzata, si muove per i corridoi della nuova scuola.
Il dolore, però, scava e trova sempre la strada per emergere. E la strada per il dolore di Margherita è l'Odissea, letta in classe dal professore di italiano. L'Odissea non è solo la storia di un avventuroso viaggio di ritorno, è anche quella di un figlio che cerca il padre.
Margherita è il centro dell'universo del romanzo: intorno ruotano altre storie che si intrecciano alla sua e trovano un proprio sviluppo; a mio avviso non sempre soddisfacente.
Accanto alla ragazzina c'è una figura eccezionale e radiosa, la nonna. L'ho amata moltissimo. Con le sue frasi in dialetto, le mani impegnate tra i fornelli e sempre pronte ad accogliere per un abbraccio, è importantissima non solo per la nipote, ma anche per il lettore. Io mi sono sentita come coccolata da lei, forse perché mi ha ricordato un po' la mia nonnina.

La nonna scartocciò il pacco delle pennette e ne gettò almeno due etti nella pentola.
«È troppa, nonna! Non ho fame, ti ho detto».
«Signorina, stai al tuo posto. È una vita che cucino e so io di quanti etti di pasta ha bisogno un cuore rotto».

Nei libri c'è la vita, ma solo chi la vive può ardire a capirla. Il professore è un uomo che vive nei libri con quella delicatezza e passione che una bookaholic condivide e ammira, ma si dimentica e rifugge la quotidianità. Un limite che non solo bisogna riconoscergli, ma che egli stesso deve comprendere e superare per il futuro di quel dolcissimo amore che lo unisce a Stella.
Stella lavora in una libreria e parla d'amore, di emozioni e vita con il prof citando libri, facendo ardite metafore libresche. Forse D'Avenia dà spazio all'inverosimile con questa coppia così colta, ma è dalla realtà che le storie traggono ispirazione… E io non ho davvero potuto fare a meno di adorarli.
Non è un caso che quest'uomo, incapace di dar voce alle emozioni se non attraverso la carta stampata, sia chiamato "il professore". Infatti è questo il suo mestiere e l'insegnamento sembra essere per lui una sorta di talento nascosto; è un insegnante alle prime armi che promette di diventare uno dei migliori che si possano incontrare nella propria carriera scolastica, non appena avrà superato lo scoglio misterioso dei rapporti umani. Parallela alla storia di Margherita e del professore è quella di Giulio.

Giulio era dotato di un'intelligenza straordinaria, gli bastava ascoltare e capire cosa sarebbe stato detto cinque minuti dopo. Anche la sua bellezza era fuori dal comune. La bellezza di una stella lontanissima e irraggiungibile, fredda e nervosa, e per questo ancora più seducente. Quella luce l’aveva negli occhi, lampeggianti come stelle invernali. Occhi azzurri, quasi bianchi, capelli neri lisci e fini come un dio della notte. La natura lo aveva dotato di un altro dono: le mani. Le mani per lui non avevano segreti, né le sue, capaci di ogni illusione, né quelle degli altri, segnaletica infallibile della verità e della menzogna.

Giulio vive in una casa famiglia e non ha mai conosciuto i suoi genitori. Passa molto tempo per le strade, rubacchiando, e sui tetti della città perché è da lì che può dominare. È un ragazzo solo, disperatamente bisognoso d'amore e proprio l'amore lo aiuterà a restituire al mondo la bellezza…
Seppur priva di una storia propria, ho adorato Marta, ragazza solare ed entusiasta che fin dal primo giorno di scuola diventa amica di Margherita.
Cose che nessuno sa non è probabilmente uno dei romanzi più belli né uno dei più originali, ma è riuscito a entrare in sintonia con me e il mio stato d'animo, parlandomi con dolcezza e semplicità della vita, rendendo la lettura molto piacevole.
Ho un debole per i libri che sanno essere poetici anche in prosa e ho amato lo stile di D'Avenia in questo romanzo; l'ho trovato più maturo e controllato rispetto all'esordio, anche se un po' debole nel finale.
È una lettura adatta all'estate, leggera ma non del tutto disimpegnata.

Il mio voto

3 specchi e mezzo

Amaranth

4 commenti:

  1. Se devo dire la verità, il romanzo d'esordio di D'Avenia non mi ha mai ispirato molto, pur avendo letto molte recensioni positive, mentre questo qui mi piace...la cover poi è molto bella, delicata e intima...sarà per via della conchiglia in foto ma mi attira molto ^-^
    Bella questa recensione, Amaranth ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Monia ♥
      La cover è poesia pura. Ti consiglio questo romanzo, se sei in cerca di una lettura un po' più leggera, ma che non manchi di far riflettere =)

      Elimina
  2. Ah io dopo Bianca come il Latte Rossa come il sangue credo di essermi innamorata di D'Avenia!!!! Cose che nessuno sa è nella mia tbr 2013. Sto finalmente iniziando a scalfirla obbligandomi a leggere poche novità o a fare molta meno mambassa di titoli in biblioteca e dandomi un contegno con CE ed autori quando capita la collaborazione sennò più che piacere la lettura diventa lavoro e ci manca poco!!!
    Sono sicura che Cose che nessuna sa sia più che godibile...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capisco la situazione con la tbr. Ti auguro buone letture e se arriverai
      a Cose che nessuno sa fammi sapere ;)

      Elimina

Grazie per averci visitato ♥
Se ti è piaciuto, ma anche se non ti è piaciuto, quello che hai letto, lasciaci un tuo commento: per noi è importante conoscere la tua opinione. Leggerti è sempre un piacere.