lunedì 10 giugno 2013

Com'è nato il nostro amore per Black Friars

Verso la Vecchia Capitale

Era un freddo e triste inverno di qualche anno fa e la vostra Alaisse era in biblioteca a cercare qualcosa con cui passare le vacanze invernali quando all’improvviso …

Nello scaffale dei fantasy (il primo e spesso l’unico che guardo) mi imbattei in una copia di Black Friars, L’Ordine della Spada. L’avevo già visto più volte in libreria ma il costo notevole mi aveva frenato.
Altri due motivi per cui avevo rimandato la lettura erano nell’ordine: dalla trama in copertina sembrava ci fosse un triangolo amoroso con un vampiro (ancora?????) e il titolo era in inglese. Ok, se il primo può avere una giustificazione a livello di gusto personale il secondo sfiora invece l’idiosincrasia, me ne rendo conto. Purtroppo si tratta di un mio problema: i titoli in inglese di autori italiani mi infastidiscono e spesso mi rifiuto di leggere i loro libri per quel motivo. Non vi preoccupate, ci sto lavorando: il mio medico curante dice che ci siamo quasi.

Tornando a L’Ordine della Spada (a proposito, NON esiste un triangolo amoroso col vampiro di turno) decisi di provare a leggerlo, se non altro per capire il motivo del titolo in inglese.
Ecco.
Siete avvisate.
Prima di conoscere Axel Vandemberg ero una persona sana, quasi equilibrata, piuttosto tranquilla. (Seeeee, credici!)
Black Friars ha fatto di me una fangirl a livelli difficilmente raggiungibili dal genere umano.
Ho cominciato a tartassare le altre Belle quando ancora non avevo finito le prime cento pagine.
*Am e Ang si intromettono*
Ha sospirato, urlato, vagheggiato su Lui e Lei che... D: e poi... Argh!
E la nebbia? No, quella non era semplice nebbia! Erano i miasmi del Presidio che ci circondavano... Non contenta, sghignazzava senza ritegno nel silenzio più assoluto, anche quando non stava leggendo! Alla legittima e preoccupata domanda: "Che cosa succede?" seguiva la risposta: "No, niente. Non potete capire... Black Friars", conclusa con sorrisino e ammiccamento verso un immaginario Vandemberg.
Ah già. Ha cambiato anche il suo cognome in quel periodo... Non dovevamo dirlo? Ups.
*Alaisse strappa la tastiera dalle mani delle amiche*
Se non mi hanno fatto rinchiudere in quei giorni vuol dire che il nostro è amore ❤ (oppure che avevano troppo paura che sarei evasa per recuperare tutti gli altri libri e ucciderle nel sonno, non saprei … non gliel’ho mai chiesto).
Inutile dire che sono riuscita a contagiarle, anche se il merito va sicuramente più a Virginia de Winter che a me.

Ora tocca a voi: come avete scoperto l’esistenza di questa serie e quali sono state le vostre prime impressioni?

Alaisse
Il viaggio Verso la Vecchia Capitale prosegue, se siete curiosi di sapere di che si tratta e volete iscrivervi (potete farlo in qualunque momento) cliccate qui.

20 commenti:

  1. io ho scoperto black friars proprio grazie a un blog(sangue d'inchiostro) al tempo ero agli inizi con i blogger..iniziavo a seguirli ene conoscevo pochi) ho letto la sua recensione entusiasta e ho deciso che volevo leggerlo!!! mai post fu più gradito

    RispondiElimina
  2. Questo racconto sulla nascita di un amore è epico!
    Io l'ho scoperto su anobii tempo fa.. E fino a che non se ne è iniziato a parlare suiblog ero fermamente convinta che l'autrice fosse straniera XD
    Come mi fregano facile.. :D

    RispondiElimina
  3. Lady Moonlight

    Già allora ero iscritta ad EFP, di conseguenza quando il libro uscì e fu pubblicizzato sul sito mi fiondai in libreria LOL
    Ammetto che io invece speravo in un triangolo XD
    Ho sempre preferito Ashton ad Axel ù_ù

    RispondiElimina
  4. Me lo ha consigliato un amica, che ci stava piuttosto in fissa ;)
    Inizialmente l'alto numero di pagine mi aveva un po spaventando, non conoscendo l'autrice c'era la possibilità che ci fossero molti punti morti e pagine inutili.
    I personaggi mi sono piaciuti da subito.

    RispondiElimina
  5. Io lo amo senza ancora averlo letto... solo alcuni brevi passi e poi... sono rimasta stregata. Chissà quando riuscirò a leggerlo? spero davvero molto presto!

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, che meravigliosa, MERAVIGLIOSA domanda. Mi sa che tu ed io, Alaisse, abbiamo una storia in comune... che posso dire?
      In libreria, anche io avevo notato più volte quel mattone dal titolo intrigante -a me i titoli inglesi piacciono molto, anche se di autori italiani-, ma non mi ero mai avventurata in letture che superassero le 500 pagine. E così, mi sono detta: "Bliss, mia cara lettrice compulsiva, avevi già trovato in giro qualche stralcio di notizia su questo libro, e la cover ti attrae così tanto... compralo. COMPRALO."
      Potete capire che di resistere non se ne parlava proprio. Ho passato un giorno a mangiare a stento e una notte senza dormire, per finirlo. E, non contenta, l'ho ripreso e riletto un'altra volta, poche ore dopo. Insomma, è diventata una specie di droga. Vaneggiavo in giro per casa circa un redivivo con gli occhi ametista e un bellissimo principe il cui cognome era diventato il mio, sotto gli sguardi attoniti e rassegnati della mia famiglia *ahahah, notate come la reazione sia molto simile, è contagiosa!*
      Avevo già accennato, no?, alla mia imbarazzante cotta per Axel?? *sospiro*
      E' più forte di me, questi "romanzi in costume" mi ammaliano, con i loro intriganti segreti e misteri, i tradimenti e le passionali storie d'amore.
      Se non l'avete letta, questa saga, RIMEDIATE. ORA!

      Elimina
  7. Io ho scoperto la saga grazie ad alcune amiche ... ho preso i libri e ho iniziato con la lettura ... ci ho messo un pò per ingranare ma poi mi ci sono immersa *^*!
    Bryce, Axel ,Cain e tutti i bei ragazzuoli vivi e "morti" mi hanno catturato nella loro rete ... e io ci sto benissimo u.u non liberatemi!!
    Ho letto tutto d'un fiato la chiave e la Penna *^* in 2 o 3 giorni ... la Spada mi è risultata un pò più ostica .. non riuscivo a muovermi in quel mondo così perfetto ... ma poi, una volta trovata la via, ci ho dato dentro XD !
    Unico difetto? Troppo poche pagine u.u io voglio di più u.u voglio i mattoncini alla LOTR u.u ... voglio tutti i retroscena u.u si si u.u!!

    RispondiElimina
  8. Ammetto di averlo snobbato inizialmente >.<
    lo avevo visto in libreria nel periodo in cui era uscito, ovviamente irrimedialmente attratta dallo spessore del nostro amato mattoncino. Poi apro e leggo: "Perché il più antico vampiro della stirpe di Blackmore abbandona per lei l'eternità" e l'ho mollato lì, non ho avuto neanche la forza di leggere il resto della trama! Non ne potevo più di tizie perse dietro i vampiri, e il costo era un poco proibitivo per le mie taschine.
    Poi sotto l'influsso del Natale mi sono deciso di dargli una seconda possibilità... e sono entrata in fase occhi sbrilluccisosi *____* l'ho netto in una giornata e due giorni dopo l'ho riletto perché non riuscivo a mollare quel mondo e Axel *-*
    A quel punto in attesa del secondo volume ho scoperto il Draco Malfoy di Vy *-*
    Ora sono irrimedialmente persa ^_^

    RispondiElimina
  9. Per raccontare del mio primo incontro con Black Friars dovrei partire dai tempi di Tristano e Isotta, oppure di Romeo e Giulietta oppure...oppure torno seria che è meglio. Il mio primo, primissimo incontro in realtà è avvenuto tramite il sito di FanFiction EFP. Ero alla disperata ricerca di qualche fanfic su Draco&Hermione e gira e rigira sono finita sul nickname di Savannah. Inutile dire che ho passato quattro giorni attaccata al pc a leggere le storie. Il passaparola sui libri mi è arrivato da una mia amica virtuale che anche lei aveva letto Virginia e che mi consigliava caldamente di leggere i libri. Entusiasta di questa succulenta scoperta ho deciso di andare in libreria. Inutile dire che ho girato tutte le librerie di Torino, senza trovarlo. Alla fine disperata ho dovuto prenotarlo e aspettare una settimana per averlo tra le mani. Comunque, quando finalmente riesco a mettere le grinfie sul libro ahimè dopo cinquanta pagine non essendo abituata allo stile di Virginia decido di lascialo sulla libreria senza leggerlo. Ringraziando il cielo mesi dopo lo riprendo, illuminata da una luce divina, e in poco tempo lo finisco. Inutile dire che di lì a innamorarmi perdutamente della Saga ci è voluto veramente, veramente poco. Essermi perdutamente innamorata di Bryce ( ditemi voi come si fa a non amarlo! ) ovviamente non era nei programmi, ma che ci vogliamo fare. C'est la viè! :)

    RispondiElimina
  10. Ho scoperto Black Friars praticamente per caso. Facebook, il più delle volte, ha il suo lato positivo. Una mia amica, con la quale condivido la passione per un gruppo musicale, un giorno sulla sua pagina pubblicò un link di un libro. Dato che io amo leggere e, inoltre, scrivo anche, decisi di aprirlo, con la speranza di trovare il così detto "pane per i miei denti".
    Mi innamorai della sua trama prima ancora di finire di leggerla. Tempo tre giorni e mi feci portare una copia alla libreria vicino la mia università. Dire che avevo gli occhi a forma di cuoricino è poco. Il modo in cui è stato scritto, il soffermarsi più volte su determinati particolari, il riuscire a farmi sentire "realmente" protagonistsa del libro, sono state tutte peculiarità che mi hanno resa praticamente assuefatta da ogni singola pagina.
    ogni volta che arrivavo alla fine, mi veniva una sorta di tonfo al cuore: volevo sapere come si concludeva il libro, ma non volevo arrivare all'ultima pagina. Ogni singola parola, ogni singolo avvenimento e tutti i personaggi, mi hanno dato la spinta per riprendere la penna in mano e cominciare a scrivere di nuovo. Ogni libro per me è stata fonte di ispiranzion e, sono totalmente sicura, anche il quarto risucirà a farmi innamorare come gli altri.
    Si parte col countdown ;)

    RispondiElimina
  11. Io l'ho scoperto su un blog dove leggo le uscite dei libri.Ho trovato l'articolo dell'uscita dell'ordine della chiave e dato che la trama mi ispirava ho iniziato a leggere quello e l'ordine della spada! Sarà che amo le "cose sovrannaturali" (a a parte gli zombie!!!) e le "cose in costume" e quindi trovarle insieme è stato fantastico!!!! E addsso attendo con ansia l'uscita dell'ultimo!!!!!

    RispondiElimina
  12. Io ho scoperto l'esistenza delle serie leggendo in giro per il blog recensioni entusiaste :D
    Sembra che tutte le persone di cui più stimo i gusti siano innamorate di questa saga! Dunque... mi tocca leggerla u.u e presto lo farò LOL

    RispondiElimina
  13. Prima di tutto è dovuto a EFP, sono stata ricattata per leggere “The Ground Beneath Her Feet”. Mi rifiutavo di leggerla (non so perché, ma mi prenderei a schiaffi) e allora per convincermi una mia amica mi ha detto che avrebbe letto una delle mie storie preferite se io avessi letto quella. Una notte, un paio di giorni dopo, ci siamo ritrovate a leggere “Original Sin” facendo le voci! Le voci, capite? XD Io do la colpa alla stanchezza per tanta follia XD Meno male che un gatto che passava davanti alla finestra ci ha spaventate a morte e mandate a dormire XD (Ma questo cosa centra?!)
    Comunque! Fatto sta che la stessa amica mi ha detto che Savannah/Virginia de Winter aveva pubblicato. Come ho già detto ho dato all'inizio il libro al mio “sensibilissimo” fratello, visto che ne stavo finendo un altro, che l'ha bocciato dopo le prime cinquanta pagine (dovete perdonarlo, è nato così, non è colpa sua! Io sono sempre più convinta che sia stato adottato XD).
    Alla fine “L'ordine della spada” era onnipresente nella mia borsa e l'ho portato a spasso fino a Parigi. La prima volta che l'ho letto non mi piaceva tanto Axel, forse più per presa di posizione che altro, ma dopo la seconda rilettura... è stato amore! XD

    RispondiElimina
  14. l'ho scoperta tramite uno speciale organizzato dall'atelier dei libri per l'uscita dell'Ordine della chiave, quindi ho reperito immediatamente i primi due. quando ho cominciato a leggere la Spada, a parte qualche fastidio per lo stile eccessivamente figurativo, ne sono rimasta immediatamente coinvolta, finendolo in meno di una settimana (data la mole non è tanto) e poi da allora non ho potuto più fare a meno! non so come mi sentirò con questo ultimo volume, forse un pò orfana....

    RispondiElimina
  15. Ahahah...mi avete fatto fare un sacco di risate :D
    Comunque, concordo!!!! Viva "Black Friars"!!! Io l'ho scoperto girovagando su Internet...la cover mi ha totalmente rapito e non sono più riuscita a togliermelo dalla testa finché non l'ho acquistato ^-^

    RispondiElimina
  16. non ricordo esattamente il momento, ma di sicuro sono stata spinta verso BF sulla fiducia riposta in Savannah, non poteva aver scritto un brutto libro, nè tantomeno una storia banale, e infatti non mi ha delusa!!

    RispondiElimina
  17. Io l'ho scoperto grazie ad amici di famiglia, che mi hanno regalato l'Ordine della Chiave. Dal momento che odio assolutamente gli spoiler, l'ho iniziato la sera stessa senza neanche leggere la trama(cosa che faccio solo se strettamente necessario, ovvero quando il libro non è regalato/prestato ma dev'essere selezionato in libreria :P). Pertanto, mi era del tutto ignoto che fosse il secondo libro della saga. Fortuna che parliamo di un prequel, e quindi alla fine non mi è andata troppo male. All'inizio ne ero un po' intimorita, devo ammetterlo. La copertina mi ispirava, certo, il titolo pure, ma lo spessore mi spaventava un po'. (A me piace un sacco leggere, giuro, e quando inizio un libro che mi piace non vorrei finisse mai, ma a un primo colpo d'occhio i "mattoni" mi opprimono un po'.) Tuttavia lo lessi tutto d'un fiato, innamorandomi perdutamente di quell'atmosfera di studentes in quella dimensione temporale non ben identificata e i cui contorni restano perennemente smorzati dalle nebbie del Presidio.
    Certo, all'inizio non ci capivo un cavolo. Nel senso di niente, nada, mi sentivo davvero stupida, a non capire cosa fosse il Presidio e l'organizzazione generale dello Studium e compagnia bella.
    Piano piano però (quasi)tutti i pezzi sono andati al loro posto, e alla fine mi sentivo quasi "realizzata" e con una nuova speranza nel genere umano: se c'era ancora una qualche scrittrice nostrana che riusciva a padroneggiare il linguaggio italiano con tanta maestria -in anni in cui spopolano le letture da ombrellone-, allora voleva dire che non tutto era perduto.
    Poi c'è stato l'ultimo anno del liceo, maturità, inizio università ecc. ecc. e sono arrivata a leggere l'Ordine della Spada solo pochi mesi fa, quando me lo sono fatto regalare per Natale dai miei. Nonostante le mie aspettative, l'ho finito in pochi giorni, e ho chiesto a mio fratello di regalarmi l'Ordine della Penna come il regalo di Natale che ancora mi "doveva".
    (Tra i regali migliori che abbia mai chiesto in vita mia!)
    Ovviamente mi sono riletta l'Ordine della Chiave per seguire la storia per come era stata concepita, ed è stata un'esperienza molto diversa dalla prima volta ^^
    Vado poi per leggermi(in un baleno) quello che pensavo fosse l'ultimo, e salta fuori che non lo è.. immaginate la gioia! :)
    *Valentina

    RispondiElimina
  18. Ero in giro per una delle varie librerie on line in cerca di titoli succulenti quando nella sezione fantasy mi sono imbattuta nella trama di quello che poi si è rivelato essere un capolavoro *lancia uno sguardo innamorato in direzione dei libri*.
    Alaisse, ti capisco perfettamente! Anch'io ero una persona quasi equilibrata e ragionevole prima di Black Friars o dovrei dire prima di Axel Vandemberg?
    Da quel momento in poi non sono più stata molto razionale quando si tratta di Black Friars *lo ammette... fangirla e sclera senza ritegno. xD*

    Ormai ho fatto della conversione di chiunque mi capiti a tiro al favoloso, magico, gotico *meglio darci un taglio con gli aggettivi* mondo di Black Friars!

    RispondiElimina
  19. Ho già detto come ho incontrato Black Friars, è stato quasi casuale, scaricata in un momento di noia le pagine di presentazione è stato un amore folgorante ed ho acquistato Spada e Chiave in un tutt'uno, e poi oa penna il giorno stesso della sua uscita (dopo quattro giorni senza BF mi mancava l'aria). Avevo bisogno di trovare un libro che mi facesse sognare, cosa che non mi capitava da tempo, e Lady Vi c'è riuscita. Ho sognato, amato i personaggi, sospirato e mi sono anche indignata non poco col principino dagli occhi blu. Insomma ho trovato un mondo in cui immergermi senza avere alcuna voglia di uscirne.

    RispondiElimina

Grazie per averci visitato ♥
Se ti è piaciuto, ma anche se non ti è piaciuto, quello che hai letto, lasciaci un tuo commento: per noi è importante conoscere la tua opinione. Leggerti è sempre un piacere.