mercoledì 26 giugno 2013

Alice in Zombieland

Gena Showalter

«Ang, c'è una nuova Read Together da La Rosy» *la butta lì con nonchalance*
«Oh! Bello! Vorrei partecipare, ma avrei un po' troppe letture in corso…»
«Dai, sono solo 5, 6… okay, 7 libri…» *osserva con indifferenza la pila dei libri in lettura*
*decide di giocarsi la carta vincente* «Devi partecipare, altrimenti NON lo leggerai mai»
*Angharad inorridisce e corre a iscriversi*

Titolo: Alice in Zombieland (White Rabbit Chronicles Vol. 1)*
Titolo originale: Alice in Zombieland (White Rabbit Chronicles Vol. 1)*
Autore: Gena Showalter
Traduttore: Giorgia Lucchi
Editore: Harlequin Mondadori
Prima edizione italiana: gennaio 2013
Prima edizione: MIRA Ink - 25 settembre 2012
Pagine: 348
Prezzo: Ebook - € 4,99; flessibile - € 9,90*
Link d'acquisto

E ora avete un'idea di come sono andate le cose. La Read Together prevedeva la lettura di Alice in Zombieland, che abbiamo finito ormai più di un mese fa, ma tra esami e impegni di varia natura non siamo riuscite a raccontarvi la nostra esperienza.
Leggendo le recensioni entusiaste delle nostre colleghe, ci aspettavamo un bel romanzo, divertente e scorrevole, e in parte lo è stato. Tuttavia, ci siamo imbattute in aspetti che non avevamo immaginato.

La vita di Alice è confinata tra casa e scuola. Non può uscire la sera, dopo il tramonto del sole, e non ha amici anche perché si vergogna dell'ossessione del padre. Una sera, Alice riesce a far uscire la sua famiglia per assistere al saggio della piccola Emma. Mentre stanno rientrando a casa, hanno un brutto incidente con l'auto e Alice assiste alla morte dei genitori per mano di quegli incubi che credeva essere solo fantasie malate del padre.
Non molto tempo dopo Alice è costretta a fare i conti con la realtà: gli zombie esistono e, grazie all'addestramento del padre, è molto dotata nel combatterli.
Trasferendosi a vivere con i nonni, deve cambiare scuola ma fortunatamente ha già un'amica, Kat. E il primo giorno di scuola conosce Cole, un ragazzo tenebroso, con cui fin da subito ha un legame particolare.

Lo stile della Showalter è fresco, scorrevole e ironico. La lettura, infatti, è molto piacevole e incalzante. La narrazione, però, ha alcuni punti un po' carenti. I personaggi sono molto abbozzati dal punto di vista fisico, mentre il carattere dei principali è ben definito anche attraverso le azioni. Un esempio è Bronx, uno dei ragazzi della banda di Cole, che non apre praticamente bocca, ma di cui emerge perfettamente la personalità. Di contro, altri personaggi rimangono un elenco di nomi che nessuno è poi in grado di ricordare perché spariscono.
Questa superficialità è controbilanciata da un eccessivo zelo nel descrivere e parlare degli zombie. Se è vero che gli zombie in questo romanzo sono molto originali, trattandosi di spiriti, è anche vero che le spiegazioni sciorinate da Cole risultano troppo manualistiche e forzate. Inoltre, Alice è costretta a una sorta di full immersion con relativo apprendimento lampo sulla natura dei morti viventi.
Ci sono molti spunti interessanti, come il diario o le visioni, ma nulla viene svelato o in qualche modo risolto. Sappiamo che si tratta del primo romanzo di una trilogia e comprendiamo che possa essere una sorta di introduzione a Zombieland, ma c'è talmente tanta carne al fuoco che si perde di vista uno sviluppo più concreto arrivando semplicemente a conoscere gli eroi e i loro nemici.
Accanto le note dolenti, ci sono i lati positivi. È difficile non affezionarsi ai personaggi principali.
Alice è una ragazza forte e determinata, molto spigliata e ironica, che prende in mano le redini del proprio destino con le responsabilità che comporta. L'attrazione che prova per Cole è del tutto comprensibile. Andiamo, ragazze, chi resiste al fascino del bad boy? E non stiamo parlando di uno che ne ha solo l'apparenza come in molti YA ed è pronto alla redenzione: non è difficile immaginarlo fare a botte con qualcuno per le ragioni più futili. Ma con il suo corpo scolpito, gli occhi violetto e l'aria da bel tenebroso, non è possibile non notarlo. Inoltre, nonostante l'atteggiamento rude, dimostra di essere intelligente e dotato di buon senso.
Tra i ragazzi del gruppo di Cole, due in particolare hanno attirato la nostra attenzione: Frosty e Bronx. Il primo con la sua parlantina irriverente e il secondo con i suoi silenzi.
Tra le ragazze, invece, abbiamo adorato Kat, vivace, solare, frizzante, leale e un po' pazzerella. In sintesi è l'amica che tutte vorremmo (e forse abbiamo ❤).
Alice in Zombieland è una lettura davvero piacevole, ma non possiamo nascondere di esserci aspettate qualcosa di più e di sperare in un vero decollo della narrazione nel seguito.

Il mio voto

I libri della serie:
Alice in Zombieland (White Rabbit Chronicles #1)
Zombie allo specchio (White Rabbit Chronicles #2)
La regina degli zombie (White Rabbit Chronicles #3)
Zombie party (White Rabbit Chronicles #4)

* EDIT 25/06/2016

Amaranth &Angharad
Questa recensione partecipa a Tributes Reading Challenge.

12 commenti:

  1. La prima recensione non totalmente soddisfatta che leggo di questo romanzo :D mi è piaciuta molto! Mi avete messo anche una certa curiosità, anzi diciamo che l'avete aumentata...fino ad ora avevo letto solamente pareri positivi e il mio interesse era un po' scemato (sono strana, lo so), adesso la vostra recensione più equilibrata ha riattivato tutto e sono di nuovo impaziente di leggere anche io la storia ^-^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, anche noi ci siamo lasciate trascinare molto dalle recensioni positive che abbiamo letto. E ci aspettavamo decisamente di più. u.u Però è carino, su questo non c'è dubbio e speriamo che nei seguiti soddisfi le nostre aspettative. XD

      Elimina
  2. a me invece è piaciuto troppo, forse il carsima dei personaggi principali, sopratutto cole <3, ma anche la simpaticissima Kat, hanno sopperito le eventuali mancanze!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è dubbio: Cole ci ha conquistate! ❤ E anche Kat è un'amica fantastica e travolgente! Però non siamo riuscite a mandare giù i difetti... forse perché proprio perché abbiamo adorato i personaggi, avremmo voluto che anche il resto ci conquistasse. ^^

      Elimina
  3. E' un secolo che voglio leggerlo, ma ancora non l'ho fatto :/ prima o poi dovrò rimediare :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche noi abbiamo un sacco di titoli in wishlist! ;) Arriva il momento giusto per tutti i libri. ^^

      Elimina
  4. Oggi esce cartaceo! ^^
    A me è piaciuto da pazzi, ma sospetto sia colpa di Cole e degli ormoni.. Letto nel periodo ciclo, non rispondo di me!! :DD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahah! Sì, Cole è bravissimo a mettere in moto gli ormoni... anche con la sua sola presenza! :D

      Elimina
  5. Ohh lo inserisco nella luuuuuuuuuuunga lista ..
    avevo sentito il titolo da qualche parte ma devo dire che pensavo -erroneamente- fosse una caricatura di "Alice nel paese delle meraviglie" tipo "orgoglio pregiudizio e zombie " e non mi sono soffermata nel leggere la trama ,
    ma sembra carino ..
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le liste di noi povere bookaholic sono sempre tremendamente lunghe..XD
      No, non centra assolutamente nulla con Alice nel paese delle meraviglie... ci sono solo alcuni elementi che richiamano il romanzo, ma la trama di per sé è tutt'altro. ;)
      Ahi, non parlare di Orgoglio, pregiudizio e zombie... Angharad sta ancora tentando di finirlo... *Ang fissa truce il libro*

      Elimina
  6. Mi sento sempre meno sola quando trovo qualcuno che non l'ha adorato ç_ç

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci è piaciuto, ma non l'abbiamo adorato. Speriamo in un seguito migliore.

      Elimina

Grazie per averci visitato ♥
Se ti è piaciuto, ma anche se non ti è piaciuto, quello che hai letto, lasciaci un tuo commento: per noi è importante conoscere la tua opinione. Leggerti è sempre un piacere.