sabato 18 maggio 2013

Never sky

Veronica Rossi

Titolo:Never Sky
Titolo originale: Under the never sky
Autore: Veronica Rossi
Traduttore: Marinella Magrì
Editore: Sonzogno
Prima edizione italiana: ottobre 2012
Prima edizione: gennaio 2012
Pagine: 350
Prezzo: Rilegato - € 17,00

Era davvero parecchio tempo che non leggevo un libro con un’ambientazione così originale. Per questo devo ringraziare il Gruppo di Lettura di Denise, di Reading is Believing.
Avevo comprato il libro a gennaio ma per un motivo o per l’altro non mi ero decisa ad iniziarlo finché non mi sono iscritta al GdL. Inutile dire che sono rimasta molto soddisfatta dalla lettura.

Ci troviamo in un mondo devastato dall’Etere, un’energia turbinante che scende dal cielo in tempeste che distruggono ogni cosa. La popolazione che abita questa terra è divisa in due: gli Stanziali, abitanti delle Biosfere, e i Selvaggi, che invece vivono nel mondo al di fuori, sotto il cielo dove turbina l’Etere e dove sono costretti a lottare duramente per sopravvivere.
Aria è una Stanziale e vive nella Biosfera di Reverie. Non ha mai visto la Fucina della Morte, ovvero il mondo esterno, e quando decide di seguire Soren e alcuni amici in una delle cupole più esterne della Biosfera non sa che sta andando incontro a qualcosa che cambierà per sempre la sua vita.
Peregrine è un Selvaggio, un Outsider, e vive con la tribù delle Maree. Come alcuni dei suoi compagni è Segnato, possiede cioè un Senso più sviluppato di altri. Per la precisione Peregrine è un Sagace e percepisce gli umori delle persone che ha vicino, ma non solo: può anche vedere al buio e i suoi occhi verdi brillano come quelli dei gatti.
I due non potrebbero essere più diversi eppure si trovano a dover affrontare un lungo viaggio per raggiungere ognuno i propri scopi. Aria deve ritrovare sua madre, Lumina, una scienziata che si è trasferita nella Biosfera di Bliss e di cui non ha saputo più nulla. Mentre Perry, invece, vuole ritrovare suo nipote Talon, rapito dagli Stanziali per non si sa quale motivo.
Accanto a loro ci sono alcuni personaggi che non hanno mancato di risvegliare la mia curiosità, in particolare Roar, un Auscultante innamorato della sorella di Peregrine, Liv. Il suo personaggio mi ha intrigato così tanto che quando ho scoperto che c’è addirittura un racconto su di loro ho fatto i salti di gioia. Ecco qui il link dove potete scaricare la storia da Amazon.

Come ho già detto prima, l’ambientazione è davvero molto originale e mi è piaciuta fin da subito, anche se ho fatto difficoltà nei primi capitoli proprio per la complessità delle Biosfere e del mondo al di fuori. In particolare i Reami mi hanno lasciato inizialmente perplessa ma proseguendo nella lettura è diventato tutto chiaro e non ho potuto fare a meno di apprezzarne la particolarità.
Anche la storia tra Aria e Peregrine non è scontata. Il rapporto tra i due cambia e si evolve senza fretta. Dapprima sconosciuti e nemici, diventano alleati e infine tra loro nasce qualcosa di molto più profondo. Ho apprezzato molto la capacità dell’autrice di rendere l’evolversi del loro rapporto senza fretta e senza scadere nel banale.
Peregrine non è il classico eroe. Sa sporcarsi le mani quando serve e lo fa anche piuttosto spesso, ma lo fa per difendere e mai per attaccare senza motivo. Aria può sembrare debole, almeno all’inizio, ma trova in fretta la forza per superare le difficoltà che deve affrontare.
La trama, poi, non manca di azione e colpi di scena. È difficile trovare un punto fermo perché gli eventi sembrano rincorrersi senza tregua fino al finale che, lo ammetto, mi ha fatto contenta e mi ha lasciato con l’amaro in bocca allo stesso tempo.
Contenta perché a differenza di molti altri libri del genere ha una sorta di conclusione “felice”. Amaro in bocca perché manca ancora così tanto da scoprire (a partire proprio dai già citati Roar e Liv) che non posso ritenermi soddisfatta.
Un altro elemento che ho apprezzato molto è l’alternarsi dei capitoli dal punto di vista di Peregrine e di Aria. Anche se la narrazione è in terza persona questo cambio di prospettiva è utile a capire meglio entrambi e a dare maggiore profondità alla narrazione.
Vi ho raccontato poco della trama perché non volevo svelarvi subito tutte le scoperte che avvengono durante il viaggio di Perry e Aria. Penso che dovreste gustarvele da soli proprio perché ci sono cose talmente particolari che è un peccato cominciare la lettura conoscendole fin da subito.
Consiglio questo libro a tutti gli amanti del genere fantasy e post apocalittico, è un interessante mix dei due e io ne sono stata conquistata!

Il mio voto

4 specchi

Alaisse
Questa recensione partecipa a Tributes Reading Challenge.

10 commenti:

  1. anche a me è piaciuto un sacco..poi racchiude due generi che amo molto.si sa qualcosa del sequel in ita? io avevo mezza idea di leggerlo in eng

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Del seguito in italiano non so nulla purtroppo -.-
      Temo il peggio =S
      Cmq anche io penso che lo leggerò in lingua, se non altro costa di meno e mi esercito con l'inglese XD

      Elimina
  2. é stato una bellissima lettura!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, bellissima, e finalmente qualcosa di davvero originale... almeno rispetto a quello che ho letto ultimamente^^

      Elimina
  3. Vedi...che ti avevo detto, Alaisse??? :D Sono contentissima che ti sia piaciuto! Io ho adorato questo libro e lo consiglio sempre! E comunque amo Roar *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Roar lo ADORO. Lui e Cinder si contendono il secondo posto dopo Perry. Non vedo l'ora di iniziare la storia di lui con Liv *.* anche se sarà un finale triste temo -.-

      Elimina
  4. Anche io ho amato tantissimo Never Sky! Un pò ostico all'inizio ma davvero ben fatto. Come dici tu il rapporto tra Aria e Perry , anche se si intuiva il sentore del tenero tra i due, non è mai scontato. E il finale mi ha lasciato le medesime sensazioni!!!!!
    Che dire..non resta che aspettare Through the ever night!
    Anche io adoro Roar ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta di non essere l'unica ad amarlo... anche se me l'aspettavo. è un personaggio a dir poco intrigante!
      Sono in ansiosa attesa del seguito ma temo che cederò e lo prenderò in inglese perché DEVO sapere come va avanti...
      Aria e Perry sono una bella coppia. Si equilibrano a vicenda ma soprattutto sono tenerissimi insieme >.<

      Elimina
  5. Personalmente ho amato i due giovani "eroi" che si uniscono, se pur a malincuore. infatti la sopravvivenza di Aria dipenderà da Perry, che lei considera un rozzo barbaro. Egli potrà aiutarla a tornare a Reverie. Perry, però, dal canto suo, avrà bisogno di Aria per risolvere il mistero del rapimento di suo nipote, tanto amato dagli abitanti. Insieme intraprenderanno un viaggio messo alla prova dai loro reciproci pregiudizi. Con loro grande sorpresa, nascerà un improbabile amore, che cambierà per sempre il destino di tutti coloro che vivono SOTTO IL CIELO SENZA FINE.
    Leggere questo romanzo (di un genere youn adult- "per me la prima volta") è stato per la maggior parte del tempo dover immaginare tutto, e in posti che non avrei mai permesso alla mia immaginazione di "entrare" per colmare delle lacune su una particolare tipologia di letture.
    Nel complesso, questo libro è stato fantastico e lo consiglio a tutti coloro che amano l'azione con una piccola parte di romanticismo.
    Interessanti i commenti delle partecipanti
    simonetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Perry e Aria sembrano completarsi a vicenda e il loro rapporto non è mai banale. Anche se sono abituata al genere young adult in particolare sul fantasy, questo libro ha saputo davvero sorprendermi!
      Non posso che unirmi a te nel consigliarlo a tutti gli amanti, e non, del genere!

      Elimina

Grazie per averci visitato ♥
Se ti è piaciuto, ma anche se non ti è piaciuto, quello che hai letto, lasciaci un tuo commento: per noi è importante conoscere la tua opinione. Leggerti è sempre un piacere.