mercoledì 3 aprile 2013

Intervista col Dhampir

Danila Kozlovsky: Sangue fresco a Hollywood

Ieri Alaisse ha scovato un'intervista di Danila Kozlovsky e il suo entusiasmo ha travolto anche le altre due Belle, tanto che Angharad si è lanciata nella traduzione.
Quindi, ecco a voi l'intervista dell'affascinante attore russo. Buona lettura!

“Se mi avessero offerto il ruolo di un idiota russo, non mi ci sarei gettato a capofitto.”

Oltre a scrivere un articolo su Danila Kozlovsky, che potrebbe essere utilizzato come pagina wiki dell’attore, Lydia Maslova ha contattato Danila direttamente per discutere l’argomento del giorno.

Si è sparsa la notizia che hai ottenuto una parte nel film di Vampire Academy (VA), ma in realtà non ne hai ancora parlato apertamente. Raccontami qualcosa.
Mi dispiace, ma non posso entrare nel dettaglio. Però ecco alcuni fatti noti. VA è una serie della scrittrice americana Richelle Mead. Ci sono sei libri e il film copre gli eventi del primo.

Ti piacciono i film sui vampiri?
Sì, anche se non posso dire di averne visti molti. Ovviamente ho guardato Intervista col vampiro, diverse versioni di Dracula, Per favore, non mordermi sul collo!. Sono i classici film sui vampiri ed è abbastanza presuntuoso inserirsi nella stessa categoria. Tuttavia, VA è una storia molto amata in Occidente – sono state vendute milioni di copie in diverse lingue, e ha un ampio fandom in tutto il mondo. Hollywood non si farà scappare un fenomeno del genere. Le riprese inizieranno a maggio (Zoey ha twittato che l’inizio sarà alla fine di maggio – ndTraduttore), il regista è Mark Waters, e io sono stato scelto per uno dei ruoli.

È un ruolo importante?
È un buon ruolo, ho anche qualche battuta da dire. A dire il vero ho ottenuto il ruolo maschile principale.

Sei stato scelto perché il personaggio è russo?
È il primo motivo che viene in mente, vero? Sì, il personaggio è russo e si chiama Dimitri Belikov. So che i produttori all’inizio hanno cercato tra gli attori americani e inglesi, ma hanno poi cambiato idea. Tuttavia, avevano bisogno di un attore con una buona padronanza dell’inglese, è stato uno dei requisiti principali necessari. Il protagonista ha un inglese fluente come quello di Rose ed è il suo seducente accento a tradirne la nazionalità.

Ci saranno molte scene di azione nel film?
Ce ne saranno moltissime, ma in VA non c’è solo azione, sono presenti anche gli aspetti psicologici. Ecco perché l’ho trovato un po’ più complesso di Twilight. I personaggi, anche il mio, non sono estranei alle emozioni umane – amano, soffrono, cadono in depressione.

Non ti infastidisce che questo Dimitri possa essere più stupido di te? Che questa non sia una parte per la quale ti sei preparato e hai lavorato, che stai accettando qualcosa che va ben al di sotto delle tue capacità?
Non direi che il ruolo sia inferiore alle mie capacità. Vedi, sono molto attento nella scelta di ogni parte, non solo nei film russi. Se mi avessero offerto la parte di un idiota russo, non mi ci sarei gettato a capofitto. Mi è stato offerto un fantastico ruolo romantico. Si parla di questo: è il primo ruolo per un attore russo in un film americano dopo anni. Mi è stata offerta la possibilità di diventare un attore versatile. Per questo non posso dire che sia al di sotto delle mie possibilità.
Sarebbe sbagliato correre a Hollywood e lasciarsi dietro i film russi. Sarebbe poco appropriato, stupido, imprudente – e richiederebbe del tempo ottenere le stesse offerte negli USA. Non mi importa vivere in due Paesi e lavorare per due industrie cinematografiche. Non è un segreto che sia sempre stato il mio sogno. Mi piacciono la cinematografia e la cultura americana. Ho anche imparato la loro lingua.

Puoi già dirci qual è la differenza tra la produzione di un film Americano e uno russo?
Non sono un esperto, dato che non ho ancora lavorato con gli Americani. Tutto ciò che posso fare sono supposizioni. Una delle differenze fondamentali, penso, è che negli Stati Uniti la gente crede in ciò che fa. In Russia non è sempre così – possono far vedere che stanno lavorando ma di fatto non stanno facendo cose legate al film. Gli Americani hanno una certa etica nel lavoro e puoi sentirla. Forse è perché a Los Angeles l’80 o 90% delle persone si occupa di produzione cinematografica, in un modo o nell’altro. O fanno già parte di quel mondo o cercano di entrarci – arrivano in città, trovano lavoro come camerieri mentre si impegnano per diventare attori, sceneggiatori o registi. C’è una competizione assurda e la tua reputazione professionale è molto importante dato che tutte le tue speranze di ottenere un lavoro dipendono da essa. In Russia puoi licenziare un assistente di scena non adatto al lavoro, ma un domani vedrai questa persona fare danni durante le riprese di un altro film. Ricordo che per un progetto avevamo un assistente che combinò un disastro. Quando è stato licenziato, il regista e io abbiamo sospirato di sollievo. Si è poi scoperto che non era stato licenziato, ma gli era solo stato chiesto di tenersi fuori dai piedi.

Non pensi che durante le riprese a Hollywood ti abituerai al loro modo efficiente di lavorare e che la negligenza e l’imprevedibilità russa ti infastidiranno ancora di più? Non credi che ti “Americanizzerai” e non sarà positivo per te?
No, non riesco a vedere come possa accadere – sono già troppo grande, 27 anni, sono praticamente anziano. Per quanto ami gli Stati Uniti e l’Occidente, sarò sempre russo. Ma non c’è nulla che mi impedisca di iniziare la mia personale comune dove sarò il solo membro. Il mio personale 51esimo stato. Non voglio lasciare la Russia definitivamente, ma non intendo neanche restarci per sempre. Voglio essere costantemente in movimento. Ho sempre sognato di vivere in due città – l’ho desiderato e mi è stata data questa opportunità. Ora ho ricevuto un nuovo, grande dono – posso vivere in due Paesi. E ci proverò.

Presto non importerà dove un attore viva: sarà digitalizzato, il file sarà trasmesso via Internet e l’immagine computerizzata interpreterà il ruolo.
Certo, e le recensioni verranno scritte dai programmi per computer. Sai com’è stata l’audizione per VA? L’abbiamo fatta via Skype. Waters era a Los Angeles, io a San Pietroburgo. Qualcuno stava filmando mentre Mark mi dava direttive e suggerimenti e commentava le scene. Poi via internet ha preso il filmato, il team lo ha guardato e ha preso una decisione. Per tutto questo tempo io sono rimasto a San Pietroburgo e sono volato a LA solo quando tutto è stato deciso.

Hai detto che dopo il film SoulLess qualcosa era cambiato nella tua vita. Puoi essere più specifico?
Non mi aspettavo avesse un tale successo e probabilmente nessuno se lo aspettava. Tutte le mie speranze erano su Spy. SoulLess è ambientato ai giorni nostri, non c’è nulla di interessante a riguardo. Spy, invece, ha un’ambientazione pseudostorica, una Mosca utopica con Skype, aeronavi, telecamere di sorveglianza. È un mondo speciale e intrigante. Un film eroico basato su un fumetto, una nuova esperienza per noi. Non è una cosa che fa per noi: il pubblico vuole vedere se stesso, o almeno qualcosa ambientato nel proprio tempo. Sono grato del successo di SoulLess – grandi cifre da botteghino, premi, tutta la stampa che parlava di me. È stato molto piacevole. Ma i nuovi successi hanno portato nuove paure.

Quali paure esattamente? Temi che non riuscirai a mantenere il tuo livello?
Anche quello, ma sinceramente parlando il mio livello non è così alto da essere spaventati. È ridicolo. Mi sto solo riscaldando, sono pronto a iniziare. Voglio essere un attore la cui recitazione sia credibile. Voglio che i produttori che mi scelgono non abbiano dubbi sul fatto di stare assumendo un attore di valore. Quando gli spettatori vanno a vedere un mio film, dovrebbero essere sicuri che non sarà un film pessimo, perché questo ragazzo non partecipa a progetti scadenti. Sono sicuro che questo film non mi creerà imbarazzo – a qualcuno potrà non piacere, ma non ne saranno disgustati. Per farla breve, voglio che il mio nome mantenga un certo livello professionale, un livello di qualità, e non voglio rischiare la mia reputazione per qualche commedia mediocre.

Non hai partecipato a molte commedie – solo Five Brides e Merry Fellows.
Diverse volte ho pensato di fare una commedia, ma ho cambiato idea all’ultimo momento. Probabilmente è stato meglio. Pavel Ruminov (un regista russo – ndT) e io abbiamo un’idea – non è una commedia pura, ma è divertente e ci piace, spero che vedrà la luce. Mi piacerebbe davvero interpretare un ruolo fresco e comico. Se trovassi un buon copione, combatterei per ottenerlo.

Manchi non solo di ruoli comici, ma anche di parti da antagonista. Non hai ricevuto offerte per interpretare personaggi negativi?
Al momento no, ma al tempo giusto le offerte arriveranno, non appena le persone vedranno quanto mi sia rovinato. Mi sono stati offerti diversi ruoli negativi ma non erano antagonisti, solo degli idioti. Non ho bisogno di questi ruoli. Non ho paura di interpretare un “cattivo”, datemi solo la parte. Non credo che un ruolo negativo danneggerà la mia immagine splendente. Ho accettato il ruolo in Merry Fellows senza pensarci un secondo. Quando avrò un’altra possibilità di rasarmi le gambe, indossare calze da donna, un vestito, tacchi alti e cantare Casta Diva? È un’incredibile esperienza per qualunque attore, può davvero darti la scossa, e sono favorevole a ciò. La domanda è: la qualità e il contenuto del prodotto sono buoni? E da molto tempo vorrei fare un musical.

Per la cinematografia russa è un genere sconosciuto, non è stato sviluppato. C’è una minima possibilità per un tale progetto.
Bene, potrebbe non essere un film, ma un progetto teatrale. Lev Dodin (un regista teatrale moderno, il leader del Saint Petersburg Maly Drama Theatre; Danila fa parte della compagnia di attori del teatro – ndT) sta prendendo in considerazione una simile produzione. Sto solo aspettando che lui dica: “Ragazzi, facciamo un musical…”

E se fossi negli Stati Uniti mentre lo dice?
Ritornerei di corsa a casa.

Traduzione dal russo di Oksana Grafutko
Traduzione dall'inglese di Angharad

Intervista tratta dal blog The abri of reveries

Le Belle

2 commenti:

  1. Danila faccia sognareeeeeeee *fangirl mode: on*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sìììììì \^O^/ *fangirl persa*

      Elimina

Grazie per averci visitato ♥
Se ti è piaciuto, ma anche se non ti è piaciuto, quello che hai letto, lasciaci un tuo commento: per noi è importante conoscere la tua opinione. Leggerti è sempre un piacere.