domenica 31 marzo 2013

The perks of being a wallflower. Noi siamo infinito

Stephen Chbosky

Spesso ho confessato qualche difficoltà nell'esprimere la mia opinione su un libro, ma questa volta è diverso: non si tratta di un blocco da recensione o di timore di non riuscire a sviscerare tutte le impressioni. The perks of being a wallflower tocca temi importanti e delicati, che posso dire di aver sentito vicini e che spero di riuscire ad affrontare.

So che non vi dispiacerà se prima di iniziare la recensione vera e propria, spenderò qualche parola sulla storia del romanzo. Nel caso vogliate saltare le mie divagazioni, siete liberi di scorrere il post fino all'immagine della cover.
Il romanzo è uscito in Italia con il titolo di Ragazzo da parete. Personalmente trovo che questa scelta sia poco appropriata: non restituisce pienamente il significato dell'originale ed è meno diretta; pertanto mi riferirò al romanzo con il titolo inglese. "A wallflower" è una persona timida e introversa, che osserva e sa, ma non parla. Proprio come Charlie, il protagonista del romanzo.

Titolo: Noi siamo infinito. Ragazzo da parete
Titolo originale: The perks of being a wallflower
Autore: Stephen Chbosky
Traduttrice: Chiara Brovelli
Editore: Sperling & Kupfer - 23 ottobre 2012
Prima edizione italiana: Frassinelli - 21 marzo 2006
Prima edizione: Pocket Books, a Division of Simon & Shuster - 1999
Pagine: 271
Prezzo: Rilegato - € 16,90

The perks of being a wallflower è una raccolta di lettere scritte da Charlie a uno sconosciuto, al quale si rivolge semplicemente chiamandolo amico. Non è difficile, quindi, immaginare di essere i destinatari di quelle lettere e farlo mi ha fatto sentire i brividi sulla schiena. Nelle lettere Charlie racconta la sua vita e, sebbene spesso mostri una particolare attenzione per il suo interlocutore, quasi azzera i filtri dipanando a ruota libera ogni evento, spiegando e riflettendo sulle relazioni "con e tra" le persone.
La forma della lettera in alcuni casi può costituire una barriera per il lettore, ma non è questo il caso: spesso mi sono rispecchiata in questo ragazzino di quindici anni, nonostante abbia passato quell'età da un po'. Charlie ha una visione del mondo così simile alla mia che non sapevo se esserne rincuorata (sapete, sono quelle cose che non sempre si condividono con altri e che ti fanno sentire diverso) o se preoccuparmi. Già perché Charlie pensa troppo. Pensa e non agisce; resta fermo a osservare la vita, la sua e quella degli altri, e non sembra riuscire a prenderne parte.
Eppure le sue esperienze sono piuttosto comuni, eccezion fatta per gli avvenimenti più drammatici. Nella primissima lettera racconta che in primavera il suo amico Michael si è suicidato. Il tono della narrazione mi è parso strano, troppo calmo e, anche se trasmette la disperazione, il senso di impotenza, mi sono sentita obbligata a farmi carico della sua storia. Da quel momento in poi ho letto ogni parola con la sensazione (o presunzione) che la serenità di Charlie e in generale il suo benessere dipendessero da me. Così ho scoperto che Micheal non è l'unica persona che ha perso: anche l'amatissima zia Helen è morta, ma Charlie non è riuscito mai a dirle addio e rimane aggrappato strenuamente ai bei ricordi.
L'inizio delle superiori è un po' burrascoso: gli amici delle medie, soprattutto le ragazze, sono cambiati e lo evitano e, in più, si è già scontrato con un bullo. Tuttavia, almeno dal punto di vista scolastico, l'anno scorre sereno. Il suo insegnante di inglese (quanto ho adorato questo professore?), rendendosi conto del suo potenziale, ha deciso di assegnargli delle letture extra e Charlie non manca di esporre le sue impressioni all'amico di penna.
Durante una partita di football conosce Patrick e Sam. La reciproca simpatia consente all'amicizia di nascere all'istante, anche se Charlie è decisamente attratto da Sam, dal suo bellissimo sorriso e dai suoi occhi verdi. E la notte stessa del loro primo incontro, Charlie sogna di fare l'amore con lei. Sorprendentemente Sam non giudica Charlie per questo (sì, glielo racconta!) e si preoccupa per lui, restandogli accanto come una vera amica.
Grazie all'intensità delle lettere, ho avuto l'impressione di conoscere realmente gli amici di Charlie e mi sono sorpresa nel desiderare di rivederli al più presto, quando il trio rimaneva separato per qualche tempo. Frequentandoli, però, il nostro protagonista viene iniziato alle droghe, dall'erba al LSD. L'assunzione di queste sostanze non produce effetti positivi nel ragazzo, che nel frattempo manifesta una sorta di insofferenza, con attacchi di panico apparentemente immotivati.
Non posso davvero raccontarvi altro. Spero, invece, che abbiate voglia di leggere The perks of being a wallflower: mi ha emozionato in modo sincero, toccandomi nel profondo. Non si tratta soltanto dell'incredibile sintonia che ho instaurato con il protagonista: il romanzo di Chbosky affronta con sicurezza e senza inutili fronzoli temi scottanti: la droga, il sesso, l'omosessualità e il suicidio. Se ne potrebbero trovare altri (per fare un esempio: l'omologazione del pensiero), ma questi sono quelli per cui il libro è stato maggiormente criticato tanto da conquistare il terzo posto nella lista dei dieci libri più contestati del 2009, stilata dalla American Library Association.
Non è un dato che mi sorprenda, ma trovo ridicolo che sia stato criticato per queste ragioni. Le esperienze narrate sono difficili e anche dolorose, ma la semplicità di Chbosky riesce a rendere la storia accessibile a tutti offrendo un'occasione per riflettere su argomenti sempre attuali ed importanti.

Il mio voto

4 specchi


p.s Nei prossimi giorni ritornerò con uno speciale sui libri letti da Charlie, sperando che vi sia gradito. Nel frattempo godetevi la playlist del romanzo



e una delle canzoni che mi fa sentire infinita.

Amaranth
Questa recensione partecipa a Tributes Reading Challenge.
Questa recensione partecipa a Refresh Your Review.

2 commenti:

  1. Volevo accontentarmi del film ma penso che leggerò anche il libro ormai...sembra molto bello ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io spero di riuscire a vedere il film nei prossimi giorni (o nelle prossime settimane, LOL). Ti consiglio il libro; a me è piaciuto molto: è delicato, ma allo stesso tempo importante.

      Elimina

Grazie per averci visitato ♥
Se ti è piaciuto, ma anche se non ti è piaciuto, quello che hai letto, lasciaci un tuo commento: per noi è importante conoscere la tua opinione. Leggerti è sempre un piacere.