venerdì 22 marzo 2013

Hex Hall

Rachel Hawkins

Titolo: Incantesimo
Titolo originale: Hex Hall
Autore: Rachel Hawkins
Traduttore: Angela Ricci Editore: Newton Compton
Prima edizione italiana: 2 aprile 2015
Prima edizione: Hyperion Books - marzo 2010
Pagine: 253
Prezzo: Rigida - € 9,90

«Pronto, ci sei?»
«Sì, ci sono.»
«Allora si parte!»

È con un po’ di emozione che scriviamo questa recensione a quattro mani, la prima di quella che speriamo possa essere una lunga serie. L’occasione si è presentata con la read-along in lingua organizzata da Juliette del blog Sweety Readers. Il romanzo è stato scelto tramite votazione e, lo ammettiamo, non eravamo entusiaste del risultato. Avevamo letto la trama e proprio non ci ispirava, ma è bastato leggere le prime pagine per innamorarcene.
Sophie è una giovane strega che, a causa dell’ennesimo incantesimo andato fin troppo bene, viene obbligata dal Concilio a trasferirsi alla Hecate Hall, il rinomato Istituto per ragazzi Prodigium.

Prodigium. Just a fancy Latin word for monsters. And that’s what everyone at Hecate was.

Prodigium. Soltanto un latinismo altisonante per alludere ai mostri. Che è quello che siamo alla Hecate.

La preside Casnoff le presenta la compagna di stanza, Jenna, l’unica studentessa vampiro alla Hex Hall, come è comunemente chiamata la scuola dai ragazzi. Sophie stringe amicizia con lei, nonostante i molti pregiudizi sui vampiri e soprattutto nonostante Jenna sia sospettata di omicidio.
La vittima è Holly, una ragazza che faceva parte della congrega di streghe nere della scuola. Dopo la sua morte, Elodie, Anna e Chaston cercano di convincere Sophie a unirsi a loro.
Nella scuola approfondirà la conoscenza dei propri poteri e si troverà ad affrontare terribili avvenimenti, che riguardano anche la sua famiglia. Su Hex Hall si farà sempre più pressante l’ombra del famigerato Occhio di Dio, un’organizzazione secolare la cui missione è quella di eliminare i Prodigi/mostri.
In tutto questo non può mancare colui che vi animerà accendendo il desiderio di saltargli addosso: vuoi per picchiarlo, vuoi per…
Come dice Jenna:

“Archer’s not cute,” she amended. “Puppies are cute. Babies are cute. I’m cute. Archer Cross is smokin’ hot. And I’m not even into guys.”

“Archer non è carino”, precisò. “I cuccioli sono carini. I bambini sono carini. Io sono carina. Archer Cross è dannatamente sexy. E i ragazzi non sono neanche il mio genere.”

Beh, avrete capito che ci siamo innamorate perdutamente di lui.
Archer è uno stregone affascinante e rubacuori, nonché fidanzato con Elodie, la leader del Trio, nome con cui sono note le ragazze della congrega. A proposito di queste tre str… streghe, belle e affascinanti, amate e… odiate. Inutile dirlo, sono antipatiche e prepotenti.
Sophie ha due possibilità: o è con il Trio o contro. E per quanto affascinata dal potere delle ragazze, non vuole invischiarsi con loro. I rapporti sono poi complicati dal fatto che Sophie si prende una bella cotta per Archer, anche se non vuole ammetterlo.

“Nope,” I finally said, striving for a light tone. “I’ve always had a thing for the nerdy type. Arrogant pretty boys don’t really ring my bell.”

“No” dissi alla fine, sforzandomi di mantenere un tono calmo. “Ho sempre avuto un debole per i tipi intellettuali. I ragazzi arroganti e carini non risvegliano il mio interesse.”

Catapultata in un mondo a cui appartiene, ma che al tempo stesso le è estraneo, sfoggia una frizzante ironia a cui è impossibile resistere: vi conquisterà battuta dopo battuta.
Cresciuta lontana dal mondo magico e dai suoi pregiudizi, Sophie ha un carattere aperto ed effervescente grazie al quale stringerà amicizia con Jenna.
E proprio la vampiretta, amante del rosa, ci ha conquistate fin dal primo incontro. Benché sia emarginata dalla comunità a causa della sua natura e nonostante abbia sofferto molto in passato, Jenna riesce ad essere solare (no, non è una battuta… d’altronde cosa vi aspettate da una vampira che ama il rosa?) e ad aprirsi con Soph, divenendone in breve la migliore amica.
Jenna non è l’unica creatura diversa dalle streghe: alla Hex Hall ci sono fate, incantevoli quanto odiose, mutaforma e licantropi. All’origine dei diversi Prodigium vi è una leggenda che, forse non spicca per originalità, ma che risulta comunque affascinante. Discendono infatti da un gruppo di angeli caduti, alcuni dei quali si sono rifugiati nel profondo delle foreste, altri sono andati a vivere tra gli animali, altri ancora si sono mescolati agli umani.
Lo diciamo qui e ora: il finale è aperto. Ci sono ancora molte domande che esigono risposta e il seguito è d’obbligo (per fortuna è sul pc che ci aspetta). L’autrice ha saputo dosare con abilità i colpi di scena, tanto che interrompere la lettura per rispettare la read-along è stato arduo, e anche alla fine non si è smentita.
Lo stile semplice e diretto della Hawkins ci ha conquistate: la freschezza, mescolata sapientemente a ironia e brividi, ha contribuito a rendere Hex Hall una lettura facile e avvincente.

Abbiamo trovato semplice questa lettura in lingua ed è di certo un ottimo titolo con cui iniziare a leggere in inglese, ma non siamo soddisfatte. Ci è piaciuto moltissimo e vorremmo che tutti potessero leggerlo! Anche coloro che non masticano l’inglese.
Per questo insieme a Juliette del blog Sweety Readers e a Valentina del blog My Empty Purse, abbiamo deciso di creare una petizione con la speranza di attirare l’attenzione delle case editrici italiane: noi ci siamo unite, ma ora servite voi!
Vogliamo contagiare tutti con il nostro amore per Hex Hall!

Il nostro voto

4 specchi

Amaranth & Angharad
Questa recensione partecipa a Tributes Reading Challenge.
Questa recensione partecipa a Refresh your review.

*Edit 1/04/2015. Il romanzo è stato pubblicato in Italia dalla Newton Compton con il titolo di Incantesimo.

6 commenti:

  1. Bellissima recensione Belle!!! Ho già firmato ieri la petizione ^-^ Io ho preso il primo volume e lo leggerò in inglese (inizierò proprio con Hex Hall le letture in lingua originale), ma veder pubblicata la serie in Italia mi farebbe davvero piacere! Sembra una di quelle storie piene di sorprese :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!! Hex Hall è un'ottima prima lettura in lingua e non vediamo l'ora di sapere cosa ne pensi! ^_^

      Elimina
  2. Bella recensione, spero proprio la petizione funzioni ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! :) Sì, speriamo davvero che serva a portare questa bella serie in Italia!

      Elimina

Grazie per averci visitato ♥
Se ti è piaciuto, ma anche se non ti è piaciuto, quello che hai letto, lasciaci un tuo commento: per noi è importante conoscere la tua opinione. Leggerti è sempre un piacere.