lunedì 28 gennaio 2013

Shadowhunters - Città di ossa

Cassandra Clare

Titolo:Shadowhunters, Città di ossa
Titolo originale: Shadowhunters, City of bones
Autore: Cassandra Clare
Traduttore: Fabio Paracchini
Editore: Mondadori
Prima edizione italiana: ottobre 2007
Prima edizione: Margaret K. McElderry - 27 marzo 2007
Pagine: 525
Prezzo: Rilegato - € 17,00

Quando ho scoperto che sarebbe uscito il film di Shadowhunters ( 23 agosto 2013) non ho avuto scelta: ho dovuto rileggere subito il libro e prepararmi così all’evento.
Nonostante sapessi già la storia, sono riuscita a stupirmi e divertirmi come e più della prima volta in cui l’ho letto. La Clare ha uno stile davvero scorrevole, senza troppi fronzoli a rallentare la narrazione incalzante, ma con un velo di sarcasmo nei dialoghi a dir poco irresistibile. Alcuni discorsi tra i protagonisti sono delle vere perle di ironia e non mi stanco mai di rileggerli.
Una sera come le altre. Clary si trova al Pandemonium, un locale dove girano personaggi interessanti, coi capelli colorati, piercing e strani gusti in fatto di vestiario, ma dove lei si sente stranamente a suo agio. Lì assiste a qualcosa di inspiegabile, due ragazzi e una ragazza, tutti con strani tatuaggi sulla pelle, uccidono quello che sembra un ragazzo indifeso, ma che si rivela essere un demone a caccia di prede. Ma la cosa più strana è che lei non dovrebbe vederli, nessun umano può. Si lascia così riaccompagnare a casa da Simon, il suo migliore amico, chiedendosi se non stia diventando pazza. Ma questo è solo l’inizio. Jace, il ragazzo biondo che ha ucciso il demone davanti ai suoi occhi, si rifà vivo e le svela un mondo popolato da creature magiche, pericolose e letali, e dai Nephilim, i figli degli angeli che da secoli proteggono il mondo da queste creature.
La Clare ha saputo mescolare in modo perfetto diverse figure della mitologia, come fate e stregoni, aggiungendo vampiri, licantropi e angeli. Potrebbe sembrare un guazzabuglio caotico, invece tutte queste creature si mescolando alla perfezione creando un mondo dentro il mondo, in perfetto stile Harry Potter.
Ma a portare avanti la storia sono soprattutto i personaggi, ironici, divertenti e soprattutto credibili. A cominciare dalla protagonista. Appena quindicenne e alle prese con tutti i problemi legati alla sua età, Clary riesce ad essere allo stesso tempo forte e testarda, mostrando anche il suo lato fragile, la paura davanti al mondo ignoto che si trova ad affrontare, il senso di tradimento perché la madre glielo ha tenuto nascosto, e molto altro. Accanto a lei troviamo immancabilmente l’eroe maschile, bello e tormentato. Verrebbe da chiedersi “Ancora?”, ma Jace non è solo il bello di turno, senza macchia e senza paura. Ironico e saccente, riesce ad essere irritante e adorabile allo stesso tempo, con un colpo di scena finale che mi ha lasciato sconcertata. Intorno a lui ci sono Alec e Isabelle, altri due Shadowhunters con cui vive nell’Istituto e che sono di fatto la sua unica famiglia. Anche il rapporto tra loro tre non è perfetto. Combattono insieme contro i demoni ma ci sono tensioni, incomprensioni, e sentimenti inconfessabili.
Alec è stato, in particolare, uno dei miei personaggi preferiti fin dall’inizio. La sua ostilità verso Clary è incomprensibile finché non scaviamo più a fondo e, una volta fatto, non si può non tenere in parte anche per lui.
Un altro personaggio che ho amato è Luke, amico intimo della madre di Clary e che le ha fatto da padre per tutti quegli anni. Quando la madre di Clary sparisce improvvisamente è a lui che si rivolge la ragazza, trovandolo però sordo alla sua richiesta di aiuto. Andando avanti nella storia si scoprono i motivi del suo comportamento e il racconto del suo passato, legato strettamente a quello della madre di Clary, fa luce sul motivo per cui il mondo degli Shadowhunters le è stato tenuto nascosto.
Ultimo personaggio da tenere d’occhio, soprattutto in vista degli altri libri della trilogia, è Magnus Bane, Sommo stregone di Brooklyn. Nonostante in questo libro compaia poco, è sicuramente un personaggio di impatto e vi preannuncio già che nei prossimi libri, con mia grande soddisfazione, sarà ancora più presente.
Personaggi, trama, ambientazione, la Clare ha saputo rendere ogni dettaglio in modo mirabile. I dialoghi sono divertenti, originali e ben inseriti nel contesto. Spesso non è solo la frase in sé a dover essere divertente, deve esserlo in rapporto a cosa succede intorno, e la Clare lo ha saputo fare decisamente bene.
Uno spazio particolare va poi al cattivo. Ovviamente non vi svelo di chi si tratta, ma voglio comunque dire che è uno dei migliori antagonisti di questo genere. Il racconto di come sia diventato tale, visto attraverso le parole di Luke, lascia spazio alla comprensione. Certo, lo vorrete uccidere più o meno con la stessa intensità degli altri personaggi, ma allo stesso tempo lascia lo spazio per chiedersi: “È davvero del tutto sbagliato?”.

Il mio voto

4 specchi e mezzo

Alaisse
Questa recensione partecipa a Hogwarts Reading Challenge.
Questa recensione partecipa a Tributes Reading Challenge.

4 commenti:

  1. Film????
    Ecco, allora è deciso... tra pochissimo inizierò a leggere la serie... già fremevo per iniziarla, ma ora ancora di più!! Ho solo alcuni libri da leggere prima!
    xoxo

    RispondiElimina
  2. Te lo consiglio assolutamente! E' raro trovare un libro così coinvolgente di questi tempi ;) e poi ci sono così tante trilogie collegate che è difficile restare senza =D

    RispondiElimina
  3. E' stupendo, sicuramente uno dei miei libri preferiti!
    L'autrice è un vero genio in fatto di scrittura, e anche quando non sono i suoi personaggi a mettermi in crisi, lo fa lei dal suo blog su tumblr! Merita tanto, consigliatissimo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non posso che essere d'accordo con te ;) E sapere che ci sono tanti libri che ci aspettano non può che rendermi entusiasta!

      Elimina

Grazie per averci visitato ♥
Se ti è piaciuto, ma anche se non ti è piaciuto, quello che hai letto, lasciaci un tuo commento: per noi è importante conoscere la tua opinione. Leggerti è sempre un piacere.