lunedì 8 ottobre 2012

Libri in un albero?

Alzi la mano chi non ha mai sentito parlare di BookCrossing! Magari qualcuno di voi vi ha già partecipato anche e sa spiegare meglio di noi come funziona: non siate timidi, nel caso, e prendete tranquillamente la parola!
L'idea del BookCrossing è rilasciare libri ovunque si preferisca, affinché questi possano essere trovati e letti da altre persone. Una condivisione di piaceri, conoscenze e, soprattutto, emozioni, che una volta tanto non è virtuale, ma poeticamente tangibile.
Già, ho una visione molto romantica di questa iniziativa e in astratto, mi piace e l'appoggio. Però la prospettiva di separarmi da uno dei miei libri, sebbene sia per incontrarne un altro, mi risulta troppo difficile da accettare. Forse è una stranezza, dato che frequento le biblioteche piuttosto assiduamente, ma ho un legame viscerale con i miei libri che non riesco a superare.


Se decidete di rilasciare un libro attraverso BC, dovete registrarlo sul sito www.bookcrossing.com . La registrazione è semplice: basta inserire i principali dati (autore, titolo, ecc.) e si ottiene il BCID, il codice identificativo unico, da riportare sul libro.
Dalla Germania, però, arriva la versione evoluta del BC: le librerie pubbliche si stanno diffondendo in tutto il Paese, trasformandolo nel Paese delle Meraviglie per i Lettori.
A Colonia, la città che ha dato il via al progetto lo scorso anno, le librerie a cielo aperto sono libere, sempre accessibili e gratuite. Si trovano nelle strade e nelle piazze. I libri possono essere presi e lasciati liberamente, senza registrazioni e scadenze. L'idea ha preso piede anche a Vienna, dove le librerie vengono periodicamente pulite e riordinate da volontari. Su ogni volume viene applicato un timbro dell'offener Bücherscharnk (n.d.a è il nome tedesco del progetto), in modo che anche il lettore più distratto possa ricordarsi da dove proviene.
L'intera città si riempirebbe di scaffali: immaginate che bello trovare un titolo interessante passeggiando e poter avere subito il libro!
Sono convinta che l'Italia non sia pronta per un'iniziativa del genere: le librerie verrebbero ridotte come le "vecchie" cabine telefoniche e i libri sparirebbero o peggio. Non voglio generalizzare, ma manca un po' il rispetto del bene comune.

Voi che ne pensate?


Amaranth

Fonte: ilpost.it, Le librerie in strada in Germania

2 commenti:

  1. E' una meraviglia unica!
    Mi piacerebbe fosse possibile anche da noi, ma conordo pienamente sul fatto che non siamo ancora pronti ad un'iniziativa del genere.
    Sognare non costa nulla, però e la scaffalatura nell'albero è geniale!

    RispondiElimina
  2. Davvero! L'albero mi ha colpito da subito: l'ho trovato romantico e allo stesso tempo adatto all'arredo urbano (sempre molto importante). Iniziamo mostrando che in altri Paesi sono realtà attive e funzionanti; magari qualcosa cambierà, anche se ci vorrà sicuramente molto tempo. =D

    RispondiElimina

Grazie per averci visitato ♥
Se ti è piaciuto, ma anche se non ti è piaciuto, quello che hai letto, lasciaci un tuo commento: per noi è importante conoscere la tua opinione. Leggerti è sempre un piacere.