lunedì 23 aprile 2012

Icemark (The Icemark Chronicles #1)

Stuart Hill
Copertina Icemark, Stuart Hill

Titolo: Icemark (The Icemark Chronicles #1)
Titolo originale: The Cry of the Icemark (The Icemark Chronicles #1)
Autore: Stuart Hill
Traduttore: Elisa Puricelli Guerra
Editore: Fabbri Editori
Prima edizione italiana: settembre 2005
Prima edizione: The Chicken House, 2005
Pagine: 523
Prezzo: Brossura – € 15,90
Link d'acquisto

Vi è mai capitato che una zia vi regalasse un libro che non avete mai notato o sentito nominare? Certo, già solo per il fatto di avervi regalato un libro è la migliore, soprattutto se è una mosca bianca tra gli altri familiari che si schermano dietro un: «Leggi già tanto». Neanche fosse una malattia.
Comunque, benché infinitamente grata del dono, ho messo Icemark da parte fino a che, in un momento di panico noto come “non-ho-nulla-da-leggere”, mi è ricapitato tra le mani. A quel punto, titubante e diffidente, l’ho aperto e ho letto le prime parole. Poi non mi sono più fermata. Fortuna che la stessa zia mi ha regalato il seguito.
La festa di Yule è alle porte e con essa giunge per Icemark la terribile minaccia dell’esercito del Polypontus. Scipio Bellorum è l’astuto generale nemico, nonché formidabile e crudele stratega. Gli scontri sono micidiali fin dall’inizio e tra i caduti vi è anche il re Redrought. L’erede al trono è Thirrin, una giovanissima principessa guerriera, consapevole di non poter sconfiggere Bellorum da sola. Accompagnata da Oskan Figlio di Strega, Thirrin cerca e ottiene l’alleanza di creature fino a poco prima disprezzate, considerate da tutti selvagge e sleali. Già dalle prime pagine, la principessa si dimostra avveduta e riesce a conquistare la fedeltà degli uomini-lupo, i primi a intervenire in suo aiuto. Alla straordinaria schiera di Icemark si aggiungeranno i Gufi delle Nevi, il popolo della Grande Foresta, le Loro Maestà Vampire e i Leopardi delle Nevi. È difficile sconfiggere un esercito sempre più numeroso e la cui arma più potente è la paura, ma Thirrin deve rischiare tutto sostenuta dal sacrificio dei suoi alleati.
Le descrizioni sono tanto incantevoli che il lettore compie un viaggio con Thirrin e Oskan, condividendone dolori, paure e gioie. La scrittura di Hill esprime efficacemente le emozioni, ma non cura i personaggi secondari come re Redrought, benché siano determinanti nello svolgersi degli eventi. Se da un lato i personaggi tendono ad essere piatti, dall’altro spiccano gloriose battaglie che lasciano con il fiato sospeso e il cuore in gola. La trama si offre a una prosa più completa e complessa, non ci sono eroi travagliati, stucchevoli scene romantiche; lo stile è semplice e diretto e il ritmo di lettura inevitabilmente serrato.
Battaglie, regni temibili, alleati misteriosi, nomi altisonanti, emozioni e ambientazioni intriganti, che riecheggiano l’antica Roma, sono gli ingredienti di un romanzo d’esordio ben riuscito e avvincente.

Il mio voto

3 specchi e mezzo

I libri della serie:
Prince of the Icemark (The Icemark Chronicles #0.5) - Inedito in Italia
Icemark (The Icemark Chronicles #1)
La spada di fuoco (The Icemark Chronicles #2)
The Last Battle of the Icemark (The Icemark Chronicles #3) - Inedito in Italia

Amaranth

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per averci visitato ♥
Se ti è piaciuto, ma anche se non ti è piaciuto, quello che hai letto, lasciaci un tuo commento: per noi è importante conoscere la tua opinione. Leggerti è sempre un piacere.