martedì 19 aprile 2016

Books'n'roll #129

Le nostre wishlist si allungano, le TBR straripano e nuove uscite ci tentano: solo Books’n’Roll potrà aiutarci.
Questa rubrica è in cerca di consigli: diteci che cosa pensate dei libri su cui abbiamo posato gli occhi e si trovano o stanno per arrivare in libreria.



◎ Prossimamente in libreria ◎

Titolo: Storia di un postino solitario
Titolo originale: Le facteur émotif
Autore: Denis Thériault
Editore: Frassinelli
Prima edizione italiana: 19 aprile 2016
Prima edizione: XYZ (Editions) - 5 gennaio 2005
Pagine: 180
Prezzo: cartaceo - € 16,90

Il postino solitario è Bilodo, 27 anni, un ragazzo schivo, con pochi amici, appassionato e dedito al suo lavoro, che gli permette di trovare nelle vite degli altri quello che manca nella sua.
Bilodo, infatti, è un postino indiscreto (per quanto innocuo): apre, di notte, le lettere che distribuisce e si immedesima nelle esistenze dei corrispondenti. Immagina, fantastica, sogna.
Tra tutte, le lettere che più è ansioso di "ricevere" sono quelle di Segolene, una donna misteriosa che vive in Guadalupa e che manda degli haiku - i caratteristici componimenti poetici giapponesi - a Gaston Grandpré, una delle persone servite da Bilodo, che di Segolene, in qualche modo, si è innamorato.
Quando, a causa di un incidente, Gaston morirà, proprio sotto gli occhi di Bilodo, il giovane postino non riuscirà a rassegnarsi alla perdita di quei componimenti che tanto lo facevano sentire bene e si sostituirà a Granpré nella corrispondenza con Segolene (e non solo in quella).


Denis Thériault è nato in Canada (Quebec) nel 1959. Storia di un postino solitario è il suo secondo romanzo. Vive attualmente in Canada.

◎ Prossimamente in libreria ◎

Titolo: Non ci credere
Titolo originale: Trust no one
Autore: Paul Cleave
Editore: Bookme
Prima edizione italiana: 26 aprile 2016
Prima edizione: Atria Books - 4 agosto 2015
Pagine: 448
Prezzo: cartaceo- € 16,90

Jerry Grey è il vero nome di Henry Cutter, popolarissimo autore di thriller da centinaia di migliaia di copie. Jerry sta lavorando alla stesura di un nuovo romanzo, quando, a una festa tra amici, scopre di non ricordare più il nome di sua moglie. È il primo, fugace, episodio di una malattia devastante che nel volgere di pochi mesi porterà Jerry, non ancora cinquantenne, a sprofondare nella demenza. Un anno più tardi le condizioni di Jerry sono drasticamente peggiorate. Confinato tra le pareti immacolate di un ospizio, lotta per riacciuffare brandelli di memoria. La moglie Sandra, nel frattempo, lo ha lasciato per ragioni tutte da chiarire, e intorno a lui gli episodi di violenza si succedono con una frequenza inquietante. Mentre il suo declino avanza implacabile Jerry, che ha affidato la cronaca dei primi mesi di malattia a un ironico e amaro diario della follia, è costretto a fare i conti con la domanda più scomoda per uno scrittore: chi può dire con certezza dove finisca la fantasia e inizi la realtà?

Paul Cleave divide la sua vita tra la Nuova Zelanda e l'Europa. I suoi thriller pluripremiati sono stati tradotti in 15 lingue.

◎ Prossimamente in libreria ◎

Titolo: Nella giungla di Park Avenue
Titolo originale: Primates of Park Avenue
Autore: Wednesday Martin
Traduttore: Letizia Sacchini
Editore: Bookme
Prima edizione italiana: 26 aprile 2016
Prima edizione: Simon & Schuster - 2 giugno 2015
Pagine: 288
Prezzo: cartaceo - € 14,90; ebook - € 7,99

Quando Wednesday Martin e suo marito scoprono di aspettare un bambino, il desiderio di crescerlo in un quartiere il più possibile verde e salubre li spinge a traslocare dal Greenwich Village all'esclusivo Upper East Side di Manhattan. Dietro le immacolate facciate dei palazzi, oltre le lobby tirate a lucido sorvegliate da impeccabili portieri in livrea, Wednesday scopre la vera Park Avenue: l'ambiente più ostile e competitivo al mondo, governato da un sistema di regole, rituali, totem e tabù da fare invidia agli aborigeni australiani. Forte del suo background in antropologia, l'autrice adotta un punto di vista "scientifico" per studiare e comprendere la sua nuova tribù e, forse, trovare il modo di essere accettata.
Dalla decostruzione delle pratiche igienico-estetiche delle signore locali (note anche come le Geishe di Manhattan), ai sordidi dettagli della inevitabile caccia alla borsa-feticcio di Hermès, il risultato è un ritratto della tribù più esclusiva, invidiata e vituperata del pianeta: quella dei super ricchi e delle loro esilissime, ambiziosissime consorti.


Wednesday Martin ha consegito un dottorato in letteratura comparata con focus sugli studi antropologici a Yale. Da oltre vent'anni lavora a New York come scrittrice e ricercatrice sociale. Collabora regolarmente con numerose testate, tra cui Psychology Today, New York Times, New York Post e Daily Telegraph. Vive a New York con il marito e due figli.

Che ne pensate di queste prossime uscite?
Ne aspettate qualcuna?

Amaranth

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per averci visitato ♥
Se ti è piaciuto, ma anche se non ti è piaciuto, quello che hai letto, lasciaci un tuo commento: per noi è importante conoscere la tua opinione. Leggerti è sempre un piacere.