mercoledì 9 marzo 2016

Books'n'roll #122

Le nostre wishlist si allungano, le TBR straripano e nuove uscite ci tentano: solo Books’n’Roll potrà aiutarci.
Questa rubrica è in cerca di consigli: diteci che cosa pensate dei libri su cui abbiamo posato gli occhi e si trovano o stanno per arrivare in libreria.



◎ Oggi in libreria ◎

Titolo: Via dell'Abbazia
Autore: Letizia Bognanni
Editore: Nativi Digitali Edizioni
Prima edizione: 9 marzo 2016
Pagine: 150
Prezzo: cartaceo - € 9,00 (Amazon); ebook - € 3,99
Link d'acquisto

“Se la tua giovinezza coincide con una delle giovinezze della tua città, puoi dirti fortunato. Puoi raccontare di aver avuto diciott’anni a Seattle nel ‘91, di essere stato adolescente a Londra nel ‘77, di aver ballato all’Hacienda di Manchester, cose così. Io posso dire di essere stato fortunato.”

“Benvenuti nel 1999, a Parcopiano,la piccola Liverpool senza porto. Grazie al successo del romanzo “Via dell’Abbazia”, una cittadina come tante nel centro-sud Italia vive una nuova gioventù, con una scena musicale vivace e tanti concerti, proprio nell’Abbazia. Ed è qui che si incontrano Jacopo e Carla, che sembrano destinati a superare ogni ostacolo e coronare i propri sogni con la musica e con il loro amore. Ma la giovinezza non può durare per sempre, per loro… e anche per Parcopiano.


Letizia Bognanni nasce a Campobasso, circostanza che le causa non pochi problemi di identità: vivo in un posto che non esiste, dunque non esisto? Non l’aiuta a dipanare la questione prendere una laurea in filosofia, e intanto nel dubbio conduce un’esistenza parallela e oltremodo appagante in cui vive di arte, Martini e serie tv e professa il culto di David Bowie in un grande loft di Manhattan che condivide con l’attuale marito Matt Berninger, il toy boy Alex Turner, il papà Dave Gahan e la mamma Siouxie Sioux, gli zii Morrissey e Michael Stipe, con lo zio barbone Bono che ogni tanto bussa per dirle che dovrebbe fare qualcosa di utile per l’umanità. Taci, zio! Comunque ogni tanto gli dà retta, torna nel mondo reale (?) e dà il suo prezioso contributo al progresso dell’intelletto scrivendo robe, per lo più recensioni (collabora con Rockit, Ithinkmagazine, Rumore), quando vuole esagerare anche libri (ha pubblicato per Arcana “Love Buzz – Di cosa parliamo quando parliamo di canzoni d’amore”, “The National – Walking With Spiders” e “Blur – Love in the 90’s” con Daniela Liucci, e “Albe scure – sguardi sulla cultura Subsonica” con Roberta D’Orazio), e quando proprio le scappano, anche romanzi e racconti (per esempio i tre pubblicati nella collana “Singolari” di LiberAria) che di solito parlano di posti che non esistono.

◎ In libreria ◎

In Cina il suo precedente romanzo era illegale ma lettissimo. Tradotto come Il Demone della Prosperità aveva un intreccio fantapolitico che prendeva di mira l'amnesia del regime imposta su fatti come la strage di Tienanmen. Ora Chan Koonchung affida alla vicenda dell'autista Champa, trastullo sessuale di una donna d'affari cinese a Lhasa, un riflessione in forma narrativa sull'identità tibetana. Un tema sensibile. E la trama continuerà fuori dal libro.

Titolo: La vita da sogno di Champa il Tibetano
Titolo originale: Luoming
Autore: Chan Koonchung
Traduttore: Lorenzo Andolfatto
Editore: Edizioni Atmosphere- collana Asia Sphere
Prima edizione italiana: 3 marzo 2016
Pagine: 276
Prezzo: cartaceo - € 16,00

La vita è semplice per Champa, un giovane tibetano. Ha un buon lavoro come autista nella sua città natale di Lhasa, e se il suo capo cinese Mei è un po' prepotente, beh, si può capire che lei è una collezionista d'arte, dopo tutto. E lo fa arrivare a guidare la sua enorme Toyota. Quando comincia a dormire con il suo capo, la vita diventa un bel po' più complicata.
Improvvisamente la vita sessuale di Champa è al di là dei suoi sogni più sfrenati. Ma poi Mei porta a casa una statua di Tara - una statua che brilla con squisita bellezza femminile - e improvvisamente la vita non è semplice per tutti, così Champa fugge per Pechino alla ricerca della propria ispirazione, rubando la Toyota e l'iPhone di Mei e lasciandola arrabbiata e in cerca di vendetta.


Chan Koonchung scrive di un Tibet conosciuto di prima mano dopo la sua esperienza di sceneggiatore nei primi anni '90 per un film sulla vita del tredicesimo Dalai Lama, e la sua prospettiva è lucida e critica, ostile a quegli stereotipi che, nel mascherare il Tibet di incensi e tuniche arancioni, agevolano invece un colonialismo cinese violento e irrisolto. Sono diversi e sottili, secondo Chan Koonchung gli stereotipi sul Tibet.
Nato a Shanghai (Cina) e cresciuto a Hong Kong. Il suo primo romanzo, il distopico Il demone della prosperità (Longanesi, 2012) («Una metafora onnicomprensiva per l'incomente superpotenza di oggi». Observer) è stato acclamato e pubblicato in tredici lingue. La vita da sogno di Champa il tibetano è il suo secondo romanzo, pubblicato in Cina con il titolo di Luoming, già tradotto in inglese con il titolo The Unbearable Dreamworld of Champa the Driver. Chan Koonchung vive a Pechino.

◎ Prossimamente in libreria ◎

Titolo: Fragile come noi, forte come l'amicizia
Titolo originale: Beautiful Broken Things
Autore: Sara Barnard
Editore: Piemme
Prima edizione italiana: 15 marzo 2016
Prima edizione: MacMillan Children's Books - 11 febbraio 2016
Pagine: 336
Prezzo: cartaceo - € 16,00

Cadnam e Roie sono amiche da sempre, quando tra loro compare Suzanne, così bella e spigliata, e Cadnam ne è inevitabilmente gelosa. Ma Suzanne non è esattamente la ragazza perfetta che lei vede: ci sono cicatrici sul suo corpo, ma soprattutto sul suo cuore, segni indelebili di un passato molto recente che hanno reso Suzanne una ragazza molto, forse troppo fragile…

Sara Barnard vive a Brighton e scrive da quando era troppo piccola perfino per accendere il computer. Ha ereditato l'amore per la lettura dal padre e pensa che i libri tristi facciano bene all'anima e i libri allegri al cuore. Questo è il suo primo libro e un sogno diventato realtà.

Che ne pensate?

Amaranth

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per averci visitato ♥
Se ti è piaciuto, ma anche se non ti è piaciuto, quello che hai letto, lasciaci un tuo commento: per noi è importante conoscere la tua opinione. Leggerti è sempre un piacere.