mercoledì 20 marzo 2013

Novità italiane da scoprire

Ehilà! Sì, siamo di nuovo noi!
Be'? Che sono quelle facce? E noi che volevamo parlarvi di due nuove uscite...
E ora che abbiamo la vostra attenzione, iniziamo a parlarvi di Laila Volpe e Evindi Mott. I trafficanti dell’ombra.

Titolo: Laila Volpe e Evindi Mott. I trafficanti dell'ombra
Autore: Man Ekang
Editore: lulu.com
Prima edizione: 2 marzo 2013
Pagine: 260
Prezzo: Brossura - € 17,60 (attualmente scontato a € 13,20)
Disponibile presso: www.lulu.com e www.kesogno.it

Laila Volpe, una giovane studentessa torinese, conosce Evindi Mott durante la lezione di antropologia culturale tenuta dal professor Debrossac. L'incontro tra i due ragazzi non è casuale: è stato pianificato da Evindi, di origini africane, poiché deve superare la prova iniziatica della società dei suonatori di Mvett.
Scoperto dal professore Debrossac, viene convinto da quest'ultimo ad aiutarlo a ritrovare la figlia, che è misteriosamente scomparsa a Torino. Evindi deve rinunciare ai suoi primi propositi. Laila è, nel frattempo, tormentata da incubi ricorrenti; Evindi e il professore la aiuteranno a farli cessare. Così la ragazza scoprirà l'esistenza delle "monete del fato" e imparerà che la sfortuna non è che una manipolazione da parte di coloro che conoscono alcune leggi di natura.
Perché ci si riduce a vivere un'esistenza poco gratificante, quando sembravamo destinati a un grande futuro? Come mai un progetto ben avviato fallisce improvvisamente?
A queste e altre domande Laila riceverà risposte forse poco razionali, ma sicuramente convincenti.

(trama rielaborata da Amaranth)

L'autore. Appassionato di antropologia culturale, Man Ekang si dedica allo studio dei costumi di alcune popolazioni native del Camerun. Dal suo interesse per la città di Torino e i suoi monumenti archeologici, nasce il suo romanzo “Laila Volpe e Evindi Mott - I trafficanti dell’ombra” che mette in rilievo gli aspetti mistici e fantastici di due popoli.

Sembra interessante, che dite? Noi siamo già molto curiose. Se lo siete anche voi, qui potrete leggere i primi tre capitoli del romanzo.
Un'ultima chicca: il booktrailer! Sembra suggerirci qualcosa sulla storia di Laila...

E per gli amanti del romance, c'è un'occasione imperdibile: Good References di S.M. May.

Titolo:Good References
Autore: S.M. May
Editore: Trinkell Edizioni - Ebook Free
Prima edizione: marzo 2013
Pagine: 34
Prezzo: Epub, Mobi, PDF - Gratuito
Disponibile presso: www.trinkellevents.org

Amburgo. Alice Charlus, giovane e ambiziosa avvocatessa dello studio Bruckenzucher und Fennst, sta per compiere gli anni e deve affrontare un grave dilemma esistenziale. Ma in una catastrofica serata in birreria si ritroverà a confessare il suo più imbarazzante segreto proprio a Fersen Rhein, l’arrogante senior partner dello studio che più detesta in assoluto…

L'autrice. S.M May è nata quasi quarant’anni fa, riuscendo a essere per un giorno e un’ora “maggiolina” (cosa che le ha ispirato il nome che si è scelta). Ha sempre preferito leggere e scrivere rispetto a qualsiasi altra occupazione, e la cosa all’inizio infastidiva un po’ in famiglia, finché sua nonna ha sentenziato di lasciarla fare.
Ha pubblicato il suo primo romanzo di fantascienza a diciannove anni e poi si è dedicata ad altro, studiando, lavorando e viaggiando. Adora tutto ciò che è sopra le righe e diffida dei sentimenti tiepidi, perché se non c’è la passione non c’è sapore.
Attualmente vive con il marito, cuoco appassionato, e tre bimbi scatenati, nel nord-est d’Italia, in costante ricerca di una casa più grande dove fare entrare anche tutta la sua biblioteca.

Se amate il romance, non potete lasciarvelo sfuggire! Certo, è un racconto breve, ma interamente made in Italy e la penna di S.M. May sembra essere proprio tutta da scoprire!

P.s. Non mancate di farci sapere se vi siete tuffati già nella lettura e cosa ne pensate. Ci teniamo!

Le Belle

6 commenti:

  1. "Good references" mi piace da matti... la cover è incantevole *_*

    RispondiElimina
  2. Good references mi ispira tantissimo! Il primo un pò meno...sarà la cover che mi mette ansia...<3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Decidere quale dei due ci ispira di più è davvero difficile! Però le cover sono davvero agli antipodi! Good References è leggera e fresca, mentre quella di Laila Volpe e Evindi Mott. I trafficanti dell'ombra ha proprio l'ombra di cui ci parla il titolo e la trama...;)

      Elimina

Grazie per averci visitato ♥
Se ti è piaciuto, ma anche se non ti è piaciuto, quello che hai letto, lasciaci un tuo commento: per noi è importante conoscere la tua opinione. Leggerti è sempre un piacere.